01/09/2022

Stiamo sacrificando i nostri figli sull'altare di una brutale ideologia di estrema sinistra.

Non mancano prove che molte società antiche sacrificassero i bambini ai loro dei. I genitori delle antiche colonie fenicie a Cartagine, in Sicilia, in Sardegna e a Malta uccidevano i loro figli prima di cremarli, nella speranza che gli dei ascoltassero le loro voci e li benedicessero.

Giustamente tutto ciò ci lascia inorriditi, anche se a volte mi chiedo se comprendiamo il sacrificio del bambino molto più di quanto vogliamo ammettere.

L'altro giorno ho visto un video in cui un chirurgo americano si vantava di aver eseguito più di 3.000 doppie mastectomie su giovani donne che avevano pagato per un intervento di riassegnazione del sesso, gente confusa da chi ne ha tratto vantaggio, si potrebbe dire - sono state incoraggiate a credere che le loro difficoltà emotive adolescenziali possano essere "curate" e che la felicità regni per sempre se si sottopongono a questa pratica brutale.

Ed è brutale - un processo che spesso comporta non solo le mastectomie appena accennate, ma anche altre orribili procedure chirurgiche: l'orchiectomia (che è la castrazione, tanto per intenderci), l'asportazione dell'utero, la distruzione della muscolatura dell'avambraccio, così da ricavarne quello che non è un pene ma deve essere etichettato come tale - ecco tutto.


PRO VITA & FAMIGLIA SI BATTE CONTRO IL GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!


Per qualcuno che si spaccia per medico e opera in questo modo sui bambini mi sembra che si meriti almeno una pena detentiva.

Che fine ha fatto l'insegnamento espresso dalla lingua antica come prima di tutto non nuocere? Innanzitutto, non è forse un peccato?

Il giuramento di Ippocrate è stato sostituito da un'illusione: una convinzione che può essere riassunta come segue: "Bloccando i bambini dalla pubertà e poi alterandoli chirurgicamente, stiamo solo ripristinando ciò che è loro di diritto". I sentimenti di un bambino sono i fattori che determinano in ultima istanza il proprio destino riproduttivo, e qualsiasi tentativo di mettere in discussione la sua identità di genere rischia di aumentare le sue tendenze suicide.

Bugia. Bugia. Bugia. Poi macelleria.

Cambiare le norme

Persino gli psicologi - quelli che lavorano nel mio stesso campo medico - si sono piegati a questa visione collettiva. La Task Force on Guidelines for Psychological Practice with Transgender and Gender Nonconforming People (TGNC) dell'American Psychological Association insiste sul fatto che gli psicologi e gli altri consulenti professionisti offrano un'assistenza "trans-affermativa", cominciando con sottigliezze come mostrare "risorse TGNC-affermative nel periodo di attesa". Agli operatori viene anche chiesto di approfondire "come il loro linguaggio (ad esempio l'uso di pronomi e nomi non corretti) possa rafforzare la dicotomia di genere  in maniere evidenti o sottili e non intenzionali".

Queste linee guida sembrano, in primo luogo, un manuale di indottrinamento scritto da ideologi marxisti e, in secondo luogo, un documento progettato per sovvertire e distruggere la pratica terapeutica stessa.

Ma con una rapidità inaudita, queste "linee guida" si sono convertite in leggi penali che regolano ciò che uno psicologo o un consulente possono dire e pensare dei loro clienti.


PRO VITA & FAMIGLIA SI BATTE CONTRO IL GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!


Sarò molto chiaro: come professionista, in America, in Gran Bretagna o altrove, non è compito di un terapeuta "convalidare" o al contrario negare l'"identità" di chiunque sia in cura da lui. Le persone si rivolgono a un terapeuta, spesso dopo una lunga e dolorosa riflessione, perché soffrono, sono confuse o entrambe le cose. Il compito del terapeuta è quello di ascoltare, mettere in discussione e procedere con la dovuta cautela, senza dare consigli a buon mercato (e quindi rubare i successi del cliente o sommergerlo di fallimenti) o avere una particolare conoscenza del risultato giusto che una determinata persona possa accettare.

Non direi mai a una diciottenne che ha assolutamente ragione se a volte si sente più mascolina che femminile (per quanto questa sensazione possa emergere), e che se ritiene che la risposta sia un intervento chirurgico, al giorno d'oggi si consigliano gli ormoni. Al contrario, passerei molte settimane, forse anche mesi o anni, ad ascoltarla mentre racconta la sua storia, essendo prudente come parola d'ordine, e aiutandola ad acquisire una comprensione approfondita e ben sviluppata della sua storia autobiografica e del suo destino.

Non si tratta di dare una "conferma" né una "negazione". Come oserei dare entrambe le cose quando qualcuno è venuto da me perché confuso e disperato - uno stato dell'esperienza dei “Gemini” che indica una profonda confusione sull'identità stessa?

Nuove linee guida radicali

Mi soffermo sull'American Psychological Association (APA) perché è l'organismo incaricato di stabilire le norme e gli standard per la pratica clinica nella democrazia più numerosa del pianeta, principi che continueranno a diffondersi in Occidente e anche nel Regno Unito. Alcune delle loro "linee guida" sono abbastanza sconvolgenti da meritare un'analisi: "Linea guida 1. Gli psicologi comprendono che il genere è un costrutto non binario che consente una gamma di identità di genere e che l'identità di genere di una persona può non corrispondere al sesso assegnato alla nascita".

Non capisco questa definizione di genere radicale e postmoderna, che si basa sul "sentire" o sul "senso intrinseco" di una persona di essere di un sesso piuttosto che dell'altro, indipendentemente dalla biologia.

Dal punto di vista psicologico, è innegabile che una percentuale non irrilevante di uomini abbia un temperamento femminile (il che significa fondamentalmente che sperimentano livelli più elevati di emozioni negative come la paura e gli analoghi del dolore, frustrazione, delusione, depressione) e più piacevole (simpatico/educato). Tuttavia, questo non cambia il modo in cui i professionisti dovrebbero valutare oggettivamente il genere di una persona.


PRO VITA & FAMIGLIA SI BATTE CONTRO IL GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!


Un tempo gli psicologi si preoccupavano che la valutazione seguisse le pratiche standard di validità e affidabilità. Per esempio, è sufficiente leggere un documento pubblicato dalla stessa APA nel 2014, in cui si afferma che uno psicologo rispettabile è tenuto a utilizzare i "costrutti" (cioè termini come "genere") in modo professionale. Come minimo, questo significa che le caratteristiche fondamentali devono essere valutate in modo appropriato e quantificabile.

Ma tutto questo viene meno quando si parla della magia del "genere", che è definito in modo del tutto soggettivo, anche se questa enfasi è senza dubbio in contrasto con gli standard precedenti. Ma soprattutto i sentimenti, le persone. E non è uno scherzo. Soprattutto se hai 15 anni e hai subito un intervento chirurgico che ti ha reso incapace di procreare, spesso per alimentare un senso di superiorità morale altrui o un senso di "compassione" autoattribuito - una parola che mi fa sempre più rabbrividire ogni volta che mi ci imbatto.

Nuove lezioni

La dottrina semplicistica e tutt'altro che rivoluzionaria dell'"intersezionalità" viene ormai adottata anche dagli psicologi senza porsi domande. E cos'è questo principio? Nient'altro che l'affermazione che gli esseri umani sono caratterizzati da identità multidimensionali. Ogni persona ha una razza, un'etnia, un genere, un temperamento (solo cinque dimensioni), un livello di intelligenza, ecc. È una cosa che sappiamo da sempre. La questione è diventata un argomento culturale scottante soltanto da quando alcuni sciocchi hanno notato il fatto ovvio che lo status di minoranza può essere additivo o moltiplicativo. Odio sottolinearlo, perché chiunque abbia un po' di buon senso, anche senza una formazione statistica, sapeva che era possibile essere, per così dire, di estrazione latina (o anche "LatinX", per usare quel termine assurdo, avvilente e condiscendente) e femminile allo stesso tempo.

Ma non si può mettere in dubbio questo senza temere di essere ostracizzati dai colleghi. Si noti l'agghiacciante formulazione della linea guida 7: "Gli psicologi comprendono la necessità di promuovere un cambiamento sociale che riduca l'impatto negativo dello stigma sulla salute e sul benessere degli individui TGNC".

In sintesi, se non sei un attivista (e uno dei nostri attivisti), sarebbe meglio se ti guardassi alle spalle.


PRO VITA & FAMIGLIA SI BATTE CONTRO IL GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!


Quindi cosa dovrebbe determinare il mio comportamento come terapeuta e le vostre aspettative come clienti? La risposta è qualsiasi cosa gli attivisti ritengano prioritaria. E ricordatevelo in tribunale, gente.

Cattiveria attiva

Mi vergogno sempre di più di essere uno psicologo clinico, vista l'assoluta vigliaccheria, la mancanza di spina dorsale e l'apatia che caratterizzano molti colleghi e, ancor più, le mie organizzazioni professionali. Al massimo tra 20 anni, quando tutti rimpiangeremo questo orribile esperimento sociale, potrò dire: "Ho detto di no quando tutti hanno insistito perché partecipassimo al sacrificio dei nostri figli".

Altri Paesi, in particolare il Regno Unito, potrebbero non commettere gli stessi errori degli Stati Uniti e di altri Paesi.

Non posso essere d'accordo con quello che stiamo facendo. Non posso aderire agli insegnamenti della mia disciplina. Credo che le azioni del "professionista" medico che si precipita a sfigurare, sterilizzare e ferire i giovani con procedure sperimentali chiaramente poco sensate e pericolose, oltrepassi la linea dal "non nuocere" fino al vero e proprio danno.

È solo sotterrando la testa sotto la sabbia che l'infertilità, la funzione sessuale ridotta o assente, le risposte complesse a ormoni poco comprensibili, le spese - e un misto di infelicità e confusione - persisteranno per innumerevoli giovani. Dobbiamo affrontare la minaccia all'integrità dell'intero sistema educativo, poiché l'indottrinamento cresce nella stessa filosofia che ha generato questa società chirurgica e le "Politiche" dell'APA. Questo mina la fiducia della gente, da cui dipende la nostra pace e la nostra prosperità.

A proposito: sicuramente un numero sproporzionato di bambini che sono stati "liberati" dalla loro confusione di genere sono diventati adulti gay fisicamente integri e perfettamente funzionanti. Devo sottolineare che questo fatto scomodo ridicolizza qualsiasi pretesa che l'esteso mondo alfabetico della cricca LGBTQ+ costituisca una "comunità" omogenea e unificata.

Abbiamo oltrepassato il limite dall'ossessione ideologica alla cattiveria attiva e stiamo moltiplicando il nostro peccato (ecco un'intersezione per voi) attribuendo i nostri atti orribili alla "compassione". Che il cielo ci aiuti. Davvero.

 

di Jordan Peterson

Fonte: The Telegraph

 

 


PRO VITA & FAMIGLIA SI BATTE CONTRO IL GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!


Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info