06/03/2017

Perù: 1,5 milioni di persone in marcia contro il gender

Il Perù si rifiuta di subire l’imposizione dell’ideologia gender nelle scuole da parte dello Stato.

E così, dopo mesi e mesi di battaglie in tutte le sedi e con tutti gli strumenti possibili, dalle piazze alle aule del parlamento, dai giornali alle tv e dai pubblici appelli alle petizioni, sabato 4 marzo oltre 1 milione e mezzo di peruviani hanno manifestato in tutte le 24 regioni del Paese scendendo in strada.

Si è trattato di una mobilitazione massiccia e incredibile, promossa dal movimento “#Conmishijosnotemetas” (ovvero “Lascia stare i miei figli, non metterti contro i miei figli”).

Nella capitale Lima ovviamente si è raccolto il maggior numero di persone, di ogni categoria sociale, età, confessione religiosa e appartenenza partitica, tra cui anche molti politici.

Come è noto, il governo peruviano, a partire dall’anno scolastico incipiente, ha deciso di modificare il Curricolo Nazionale delle scuole in base ai principi della teoria gender. Il che riguarderà soprattutto i minori, sin dalla più tenera infanzia: una vera e propria colonizzazione ideologica, mirante a fare il lavaggio del cervello alle nuove generazioni.  Oltre a ciò, l’esecutivo ha palesemente violato il prioritario diritto dei genitori e delle famiglie di educare i figli in base ai valori in cui credono. Perù_gender

Il presidente Pedro Pablo Kuczynski, che si professa liberale, in realtà sta eseguendo l’agenda gender imposta dagli organismi internazionali e dalle lobby LGBT, infischiandosene della volontà popolare e delle convinzioni della stragrande maggioranza del suo popolo.

Beatríz Mejía, una delle portavoce di #ConMisHijosNoTeMetas, ha auspicato un passo indietro del presidente su questo tema.

Massiccia la presenza del mondo cattolico, compresa la gerarchia ecclesiastica, che oltretutto ha ricordato un altro importante appuntamento: la Marcia per la Vita del prossimo 25 marzo.

I manifestanti hanno protestato pacificamente e non hanno perso l’occasione di criticare aspramente i mass media, rei di ignorare o minimizzare eventi del genere (un fenomeno comune anche in altri paesi del mondo).

La società civile del Perù si conferma sana e combattiva. Il potere politico vorrà ascoltare i cittadini?

Federico Catani

Fonte: Aciprensa


 


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info