05/05/2022 di Fabrizio Cannone

Il potere delle multinazionali: Amazon pagherà le donne che abortiscono

Le accese polemiche suscitate dalla bozza della Corte Suprema americana in tema di aborto, e trapelata sui media grazia al sito Politico, sono destinate a durare settimane e forse l’intera estate. Anche perché rappresentano obiettivamente, al di là delle possibili (e auspicabili) conseguenze legali, una vittoria storica dei pro life.

La più alta e indipendente istanza giuridica degli Stati Uniti afferma, pur con mezzo secolo di ritardo, una fattuale verità: l’idea che l’aborto possa essere un diritto della donna – ignorando completamente la vita e la salute del bambino – è un’idea sbagliata. E dunque revocabile.

Nello stesso contesto esiste però un’altra America che si ostina a sostenere le vecchie posizioni pro choice. E che si sta manifestando, anche con violenza verbale non indifferente, in varie città degli Stati Uniti per protestare contro la possibile e ormai doverosa revoca della sentenza “Roe vs Wade”.

Contro questi progressi nella tutela della maternità e dell’infanzia, Jeff Bezos, il miliardario fondatore di Amazon, come riporta Famiglia Cristiana, «rimborserà le spese per tutti i dipendenti che decidono di interrompere la gravidanza per sé o per le loro mogli».

E questo sia, come detto, in rapporto al possibile annullamento della storica sentenza “Roe vs Wade” del 1973, sia a causa delle sacrosante limitazioni che molti Stati americani, solitamente a guida repubblicana, stanno introducendo alle leggi abortiste.

Leggi che i vari Stati avevano promulgato negli anni ’70 del secolo scorso, a seguito dell’iniqua sentenza che per la prima volta rendeva invisibile quel feto che tutti noi siamo stati. Ma quelle leggi non avevano nulla di scientifico ed erano palesemente il frutto di quella stagione trasgressiva e libertaria iniziata con il ’68.

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Giustamente Famiglia Cristiana nota la polarizzazione estrema della politica americana. Che continuerà a prescindere dall’abolizione o meno della sentenza “Roe vs Wade”.  

Scrive il settimanale: «abbiamo davanti uno scontro etico-giuridico tra due attori sociali che si affrontano su piani diversi: da una parte la Corte Suprema, che in base ai principi della Common Law dispone la possibilità di evitare l’aborto o quantomeno limitarne gli eccessi ai governi federali e dall’altro le multinazionali, sempre più ricche di profitti, sempre più potenti, sempre più invasive in ambiti che di per sé non hanno nulla a che fare con la loro attività. E che grazie alle loro risorse finanziarie illimitate facilitano coloro che desiderano aggirare la legge e orientano una politica libertaria sul piano etico».

Possiamo chiamarlo tranquillamente uno scontro di civiltà. E ancora una volta la pace e la pacificazione delle coscienze di tutti gli attori potrà essere ottenuta solo con il trionfo della verità e della giustizia. E con la sconfitta dell’ideologia e della menzogna.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info