27/06/2022 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Gay Pride Bologna. Pro Vita & Famiglia: «Pd avalla sfruttamento prostituzione?»

Bologna, 27 giugno 2022

«Con la partecipazione della senatrice Monica Cirinnà, dell'onorevole Alessandro Zan e del sindaco di Bologna Matteo Lepore, tutti esponenti del Pd, si è svolta sabato 25 giugno la manifestazione Rivolta Pride nel capoluogo dell'Emilia Romagna. Oltre alla rivendicazione dei “diritti” Lgbtqi+, è stato posto l'accento in modo molto chiaro sul riconoscimento dei presunti diritti dei e delle “sex worker” e sulla loro "decriminalizzazione". Attraverso il riconoscimento di questi diritti dei sex worker, il Pd vuole nei fatti abolire la legge Merlin e rendere nuovamente legale lo sfruttamento della prostituzione? Se, infatti, si vuole rendere socialmente accettabile vendere il corpo e prestazioni sessuali per soldi, equiparando quella sessuale ad una prestazione professionale qualsiasi, si rischia di togliere ogni base giuridica alla criminalizzazione dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione. Il tutto, ovviamente, parlando sempre e solo di “diritti” e mai di “doveri”, una contraddizione per il tanto rigoroso Pd in materia fiscale che dunque non ci spiega come questa vendita del corpo verrebbe tassata. Il Partito Democratico, dunque, esca dall'equivoco e si pronunci in modo serio spiegando - soprattutto al proprio elettorato femminista - perché alcuni dei suoi più rappresentativi dirigenti appoggiano iniziative nelle quali si chiede la possibilità di sdoganare il presunto "diritto" a sfruttare la vendita sessuale del corpo», così Simone Ortolani, coordinatore dei circoli territoriali dell'Emilia Romagna di Pro Vita & Famiglia

BASTA PATROCINI AI GAY PRIDE - FIRMA QUI!

 
Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info