21/09/2021

FLASH – UK choc. Bloccanti pubertà per i minori di 16 anni

La corte d'appello ha annullato la sentenza che aveva dichiarato improbabile che i bambini di età inferiore ai 16 anni che considerano la riassegnazione del sesso siano abbastanza maturi per dare il consenso informato alla prescrizione di farmaci che bloccano la pubertà.

Il “Tavistock e Portman NHS Foundation Trust”, che gestisce l'unico servizio di sviluppo dell'identità di genere (GIDS) del NHS England per i bambini, hanno impugnato una sentenza dell'Alta Corte dello scorso anno relativa ad una causa intentata contro il servizio da Keira Bell, una donna di 24 anni che ha iniziato a prendere bloccanti della pubertà quando aveva 16 anni prima di procedere con la detransizione. L'altra ricorrente era la madre senza nome di un'adolescente autistica in lista d'attesa per il trattamento.

I tre giudici dell'Alta Corte avevano anche affermato che i medici degli adolescenti sotto i 18 anni potrebbero dover consultare i tribunali per avere l'autorizzazione all'intervento medico. A seguito della decisione, il Tavistock aveva sospeso le somministrazioni dei bloccanti della pubertà e degli ormoni sessuali incrociati per i minori di 16 anni.

Tuttavia, in una sentenza emessa venerdì scorso, il Lord Chief Justice, Lord Burnett, Sir Geoffrey Vos e Lady Justice King, hanno affermato che l’alta Corte non avrebbe dovuto emettere quel regolamento.

I giudici hanno affermato che: “L'effetto del regolamento è stato quello di far richiedere permessi alla corte in circostanze in cui la stessa corte divisionale (un ramo dell'alta Corte) aveva riconosciuto che non vi era alcun obbligo legale in tal senso. Ha messo pazienti, genitori e medici in una posizione molto difficile.

"In pratica, questo regolamento avrebbe l'effetto di negare il trattamento in molte circostanze per mancanza di risorse per la richiesta del permesso, insieme a un inevitabile ritardo dovuto al coinvolgimento del tribunale".

Liberty, intervenuta in appello, ha definito questa nuova sentenza “un positivo passo avanti per i diritti trans nel Regno Unito e nel mondo”.

I giudici della corte d'appello hanno sottolineato che è stato stabilito il principio giuridico secondo cui "spettava ai medici piuttosto che al tribunale decidere sulla capacità di acconsentire al trattamento". La Tavistock aveva sostenuto che la sentenza dell'Alta corte interferiva con il diritto dei bambini a prendere decisioni da soli e si basava su "perizie di parte".

Fonte: The Guardian

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info