10/08/2021 di Luca Marcolivio

Ddl Zan. Calzolari, la scrittrice transgender “dissidente” coperta di insulti

Non è la prima volta che una persona transgender osa sfidare il politicamente corretto e criticare il ddl Zan. Il precedente più noto è quello di Platinette, che, in più occasioni ha difeso la famiglia naturale. È accaduto più di recente anche con Neviana Calzolari, nata maschio, sociologa e scrittrice, una vita dedicata più agli studi storici che agli eccessi in piume di struzzo o ai Pride. Il suo pensiero fuori dal coro espresso sia su MicroMega che in un’intervista a La Verità ha scatenato un’ordalia di polemiche, invettive e insulti tra le comunità lgbt. «Ecco un’attivista trans che si è bevuta il cervello», è stato uno dei commenti sui social. Altri epiteti ricorrenti (e poco fantasiosi): «fascista» e «kapò».

«Il problema del movimento Lgbtq e delle persone che dicono di rappresentarlo solo perché sono a capo di associazioni è che alla fine si pongono sempre in modo estremamente aggressivo e verbalmente violento nei confronti di chi esprime delle posizioni divergenti dal mainstream del movimento – ha dichiarato Calzolari –. Cercano di intimidirti, e se reagisci ribaltano la frittata».  E ancora: «Ti accusano di avere un atteggiamento aggressivo, mentre gli aggressivi sono loro». Finché le sue affermazioni controcorrente sono rimaste confinate su MicroMega, nessun problema. Il putiferio si è scatenato dopo l’intervista a La Verità, con relativa accusa di essere stata «strumentalizzata dalla destra».

Neviana Calzolari è convinta che chi la accusa sia «in malafede» e non si dia «nemmeno la pena di leggere e documentarsi». Qual è però il capo di accusa nei suoi confronti? In primo luogo, l’aver affermato che «sesso e genere sono cose diverse» e che «la transessualità ha a che fare con una spinta forte, insopprimibile a lungo andare, a cambiare le caratteristiche del proprio corpo a favore del sesso di elezione». Non è vero poi, sostiene Calzolari, che il ddl Zan non abbia nulla a che fare con la transizione di genere: «È chiaro che il concetto di identità di genere è stato introdotto come caposaldo perché si vuole puntare proprio a questo: a rendere indistinguibili, come se si trattasse di cose intercambiabili, transizione di sesso e genere», ha affermato.

Sul ddl Zan, la sociologa è critica su tutta la linea. In primo luogo, perché «cercare di ancorare ipotesi di reato penale a vissuti soggettivi ci porterebbe al caos più completo» e «ogni giudice andrebbe a ruota libera». La bozza di legge contro l’omotransfobia attualmente ferma al Senato è «un’arma di distrazione di massa dai veri problemi dei transessuali», afferma Calzolari, che poi, rincara la dose. «Il vero problema – prosegue la sociologa – è che c’è un sistema di aiuti e assistenza socio-sanitaria che fa pena, che è inadeguato rispetto alla creazione di un benessere personale e una vera integrazione sociale. Ma le associazioni trans e il movimento Lgbtq hanno interesse a rimuovere questi problemi – che sono prioritari per la salute delle persone – e preferiscono concentrarsi su aspetti repressivi di carattere penale».

Calzolari entra infine nel merito dell’ideologia gender imposta nei programmi scolastici. «Non credo sia giusto condizionare – ha dichiarato – perché poi, di fatto, mandare le associazioni nelle scuole sarebbe un condizionamento. I bimbi e ragazzi in fase puberale devono essere lasciati da soli a esplorare il mondo e il loro corpo, eventualmente con un supporto specialistico. Ma l’ideologia non deve assolutamente entrare».

 




FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE CONTRO IL DDL ZAN PER LA LIBERTÀ DI PENSIERO


GUARDA IL DOCUMENTARIO CHE SVELA COME IL DDL ZAN ATTACCA LA LIBERTA' DI TUTTI

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info