02/12/2014

Utero in affitto: anche le femministe (ragionevoli) sono contrarie

La “Lobby delle donne svedesi” (Sveriges Kvinnolobby) ha pubblicato un documento di condanna dell’utero in affitto:  calpesta la dignità  delle donne povere e pone a rischio la loro salute.

Qualche mese fa anche alcune associazioni femministe e lesbiche francesi avevano assunto la stessa posizione.

Chi affitta un utero, usa il corpo della donna e i suoi organi riproduttivi per il suo esclusivo piacere ed interesse, a scapito della donna stessa. Il documento per questo invita il governo svedese a vietare la maternità surrogata.
Il diritto all’integrità fisica è un diritto che non dovrebbe essere negoziabile con alcuna forma di contratto. Non importa come sia regolato il rapporto, non importa l’equità e persino la gratuità dell’affare: i diritti delle donne (e dei bambini), non l’interesse del compratore, devono essere indisponibili e irrinunciabili.

Quest’ultimo punto è molto importante.

La tradizione giuridica da secoli distingue i diritti indisponibili (come quelli di famiglia e quelli della personalità) perché concretizzano interessi superiori, interessi più grandi (della società civile) di quelli dell’individuo che ne è titolare. Tra essi, per primo, il diritto alla vita.

E i diritti irrinunciabili – come per esempio il diritto al riposo settimanale e annuale dei lavoratori (art.36 Cost.) – sono anch’essi al di sopra della disponibilità dei titolari per evitare la possibilità di qualsiasi forma di ricatto e di approfittamento dello stato di bisogno del titolare.

Le femministe francesi e svedesi ci sono arrivate. Quelle italiane?

Francesca Romana Poleggi

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info