17/04/2015

Su Notizie ProVita di aprile: dall’aborto alle nozze gay, è tutta una questione di soldi

C’è un filo rosso che lega le battaglie per i nuovi “diritti”: dall’aborto alla contraccezione, dalla fecondazione artificiale al matrimonio omosessuale.

Qualcuno dice “cherchez la femme“. Invece no, niente femmine (sarebbe sessismo puro).

Cercate i soldi, il business, il profitto, piuttosto.

Ve ne parla la nostra rivista, Notizie ProVita: non aspettate ancora ad abbonarvi!

Diceva un grande giornalista americano (George Horace Lorimer): “È bene avere il denaro e le cose che il denaro può comprare, ma è bene anche, ogni tanto, controllare ed essere sicuri di non aver perso le cose che il denaro non può comprare”.

Invece la nostra società opulenta e iper tecnologica non si è fermata a controllare e ha perso per strada quei valori che servono all’umanità e che non sono fatti di soldi e di materia.

Anzi: tenta di distruggerli proprio per far soldi, dimenticando che tutto ciò che è immorale si traduce presto o tardi in un disastro anche dal punto di vista economico.

Bludental

Abbiamo imparato a far soldi su cose che distruggono l’umanità. Abbiamo imparato a far soldi e a commercializzare quello che non si può e non si deve mercanteggiare: la vita, la morte, i figli.

Promuoviamo falsi diritti (contraccezione, aborto, cambiamento di sesso, procreazione artificiale e matrimonio omosessuale) per far soldi: dalla pornografia, all’utero in affitto, i guadagni del grande capitale che c’è dietro sono stratosferici.

Parte di questi guadagni, poi, si rinvestono per sovvenzionare la corruzione e la destrutturazione dell’uomo (che passa per la distruzione della famiglia): una società di persone sole, deboli, senza radici, senza legami, senza valori né punti di riferimento, è una società di perfetti consumatori, ciechi, obbedienti, malleabili. E’ una società di infelici, fatti in serie, che vivono per se stessi e per soddisfare i propri istinti nella ricerca di piacere effimero.

Questa prospettiva non ci alletta. Questo futuro distopico non vogliamo si realizzi e non lo vogliono la maggioranza degli Italiani che ancora credono con buon senso e razionalità che gli affetti e le relazioni – a cominciare dalla famiglia, appunto – sono imprescindibili.

E poi, i primi a soffrire di tutto questo sono i più piccoli, indifesi: i bambini.

“Nel nome di chi non può parlare” ProVita fa appello a tutte le realtà associative che vogliono contrastare il pensiero unico, mortifero e distruttivo delle élite che hanno potere economico e mediatico, ma che sono certo una minoranza.

Il tempo delle maggioranze silenziose ora è finito. Dobbiamo far sentire la nostra voce. Dobbiamo scendere in piazza (il 10 maggio e il 13 giugno, ogni volta che ci sarà un appello alla mobilitazione).

Dobbiamo ricreare i presupposti per un nuovo family day, come quello del 2007, che sia votato alla difesa della dignità dei bambini dalla provetta e dalla cosificazione; che sia votato al ribadire i diritti dei bambini a una famiglia con una mamma e un papà; che sia votato a costruire un futuro dove le leggi ritornino a vigere nell’ordine della morale e non nell’interesse dell’ideologia e del profitto.

Antonio Brandi

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info