29/10/2021 di Manuela Antonacci

Se anche Piero Angela scivola sull'omosessualità…

Piero Angela, il noto divulgatore scientifico che è entrato nelle nostre case grazie ai vari, preziosi documentari basati sulle scoperte del mondo della scienza, nel campo della natura e non solo, ha mostrato, ultimamente, un lato di sé davvero insospettabile, scivolando su un dettaglio assolutamente anti-scientifico.

Lunedì scorso, infatti, è stato ospite di Fabio Fazio, per presentare il programma Superquark+, la cui prima puntata è dedicata alle relazioni affettive di coppia. Siccome si fa riferimento principalmente alle relazioni uomo-donna, ha voluto subito mettere le mani avanti, forse per paura di essere etichettato come “omofobo”, e ha specificato il suo pensiero sull’ omosessualità con queste parole: «Spesso viene vista l’omosessualità come un rapporto fisico, contronatura, in realtà le coppie omosessuali fanno esattamente lo stesso percorso: attrazione, innamoramento, gelosia, vita di coppia, figli... Bisogna capirlo bene».

E’ proprio l’ultima parola che lascia perplessi. “Figli”.

Figli? Un dettaglio che di scientifico non ha nemmeno l’ombra, considerato che sappiamo tutti come vengono al mondo i bambini e negarlo così apertamente e così inutilmente, soprattutto quando si è passata tutta una vita a riportare il punto di vista della scienza su tanti fenomeni ed aspetti del reale, risulta davvero incredibile! Tutto questo, infatti, non è scritto nella Bibbia o non è il pensiero di pochi fanatici, ma si tratta della pura e semplice biologia.

In realtà, l’intervento di Piero Angela era inserito, guarda caso, nella stessa puntata in cui il segretario del Pd Enrico Letta, anche lui ospite di Fazio, ha battuto sulla necessità dell’approvazione del ddl Zan, definitivamente spazzato via proprio due giorni fa dal Senato.

Purtroppo per il pensiero unico pro-Lgbt, le leggi della natura non hanno alcun colore ideologico, né politico e tali rimangono che piaccia o meno. Questo un uomo di scienza dovrebbe saperlo bene, anziché ostinarsi ad ignorarlo o peggio a negarlo, pur di fare audience.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info