14/06/2021 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Scuola, Ruiu (Pro Vita e Famiglia): «Propaganda gender su piattaforma per didattica a distanza. Miur intervenga»

COMUNICATO STAMPA

Scuola

Ruiu (Pro Vita & Famiglia): «Propaganda gender su piattaforma per didattica a distanza. Miur intervenga»

 

Roma, 14 giugno 2021

Quanto ti senti impegnat* per i diritti delle persone LGBTQI+?” E’ solo una delle domande con cui si fa propaganda ai nostri figli.  Che senso ha? Ora basta, ci siamo stufati. Dopo aver raccolto migliaia di adesioni alla nostra petizione contro la richiesta che la piattaforma WeSchool ha rivolto, tramite e-mail, ai docenti che la utilizzano per collegarsi on line chiedendo di rispondere ad un questionario ideologico, letti i risultati siamo qui a chiedere con forza un intervento del Miur, affinchè vigili e gli studenti siano protetti da teorie ascientifiche come la prospettiva  gendercosì Maria Rachele Ruiu, membro del Direttivo di Pro Vita e Famiglia, promotrice della petizione insieme all’ Associazione Family Day/Difendiamo i Nostri Figli, ad Articolo 26 e Non si Tocca la Famiglia.

La portata ideologica di questo questionario - ha aggiunto Ruiu - è vergognosa, siamo stanchi che vengano strumentalizzati e politicizzati i nostri figli. E non pensiamo sia un caso che questo questionario sia stato diffuso per la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (17 maggio) per  imporre una visione falsa che non c’entra niente con la violenza e l’inclusione e che casualmente coincide con la visione che si vuole  imporre con l’articolo 7 del Disegno di legge Zan, ad oggi contestatissimo e messo in discussione dalla maggioranza degli italiani!”.

“Ci abbiamo visto lungo a raccogliere le firme contro questo sondaggio di We School, che vuole imporre non si capisce quale antropologia anche agli insegnanti. Quel che è ancora più grave, infatti, è che il fondatore di WeSchool, dopo aver raccolto i dati, abbia annunciato che sarebbe opportuno parlare di questi temi durante l’ora di educazione civica e ancora più grave di voler formare da settembre i Prof interessati fornendo loro i contenuti per affrontare questi argomenti. Ormai stiamo raccogliendo tantissime segnalazioni: con la scusa dell’educazione civica vengono veicolati argomenti che non c’entrano nulla con questa materia, bensì con temi come la sponsorizzazione dell’utero in affitto e dell’identità fluida. E questo per noi è irricevibile. Vogliamo che durante l’ora di educazione civica si studi la Costituzione. E chi saranno gli esperti chiamati a formare i formatori di cui parla De Rossi? Chi li vaglierà? Chi gli ha dato questo mandato? I genitori saranno informati? Dov’è il consenso informato preventivo? Dopo le direttive gender, imposte e poi ritirate a seguito della denuncia delle famiglie, non siamo disposti ad un  nuovo scandalo sulla pelle dei nostri  figli. Il MIUR ora intervenga”.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info