Rallentare l’orologio biologico della fertilità?

Pare che un nuovo farmaco sperimentato su certi vermi che hanno delle somiglianza genetiche con gli esseri umani, riesca a prolungare la fertilità dei vermi stessi di qualche tempo. Quindi si pensa che un domani si potrebbe rallentare l’orologio biologico della feriìtilità delle donne di 3 – 6 anni.

Ne parla In Dies  la cui fonte è la rivista  Current Biology.

La ricerca è stata condotta nell’Università di Princeton, negli Stati Uniti. Il  verme microscopico usato è  il Caenorhabditis elegans (C.elegans), il gruppo di proteine che provoca l’invecchiamento dei gameti  si chiama catepsina B.

«Quando il team ha somministrato l’inibitore della catepsina B durante la metà del periodo riproduttivo dei vermi, il farmaco prolungava la qualità delle uova.

In un altro esperimento i ricercatori hanno eliminato i geni della catepsina B estendendo la fertilità dei vermi di circa il 10%».

«Già verso i 35 anni, le donne iniziano a registrare un declino della fertilità, un aumento dei casi di aborto spontaneo e di difetti alla nascita, correlati all’età della madre. Tutti questi problemi si pensa siano causati dalla diminuzione della qualità degli ovuli, che potrebbe essere migliorata da queste operazioni inibitorie».

La cosa è ancora ben lungi dal poter essere sperimentata su esseri umani.

Ma noi ci chiediamo: non sarebbe meglio realizzare politiche socili e culturali per far sì che le donne tornino a far figli da giovani, prima dei 30 anni?

Se la natura ha programmato l’orologio biologico, “forse” sa che i figli non si “fanno”, ma si procreano e la questione non è solo il poter  “fare” figli, ma crescerli, educarli e curarli con le energie psico – fisiche di una persona giovane.

I nonni sono molto importanti nella famiglia, ma – apunto – il ruolo del nonno è ben diverso da quello dei genitori, ai fini sociali, culturali e per la crescita equilibrata delle giovani generazioni.

E infatti poi capita che i genitori troppo anziani non vengnano reputati idonei a fare i genitori.

Ma si sa. Oggi la natura va calpestata, manipolata e violentata dall’hybris, dalla volontà di potenza degli esseri umani...

Redazione


FIRMA ANCHE TU

Per la salute delle donne:

per un’informazione veritiera sulle conseguenze fisiche e psichiche dell’ aborto 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info