27/02/2015

Poliamore: sposo chi voglio e quanti ne voglio

Il poliamore è il rapporto promiscuo tra più persone (di numero, sesso e “genere” imprecisato) che pretendono di amarsi e di fare famiglia: quella che in termini un po’ triviali si chiamerebbe un’ammucchiata.

Per qualcuno potrebbe anche essere divertente, e ciò dovrebbe bastare. Invece no. Si pretende che sia considerata una forma d’amore, naturale. (Non è una scelta: è una pulsione innata, irrefrenabile...)

Di solito, nel parlare di queste cose, interviene qualcuno che dall’alto della sapienza “vera”, quella politicamente corretta, considera certe derive del tutto marginali, i nostri assurdi allarmismi, casi limite che i “bigotti” adducono a sproposito per metter paura rispetto ai “sani” rapporti omosessuali che non sono contro natura, che la teoria del piano inclinato (che quando lo prendi non sai dove si va a finire) è una stupidaggine...

Ebbene: chi conosce lo Svedese può leggere qui.

L’ FYI è la sezione giovanile del partito Moderaterna, il più grande partito  socialdemocratico moderato in Svezia, membro in Europa dell’ EPP.

A Skâne, nel sud della Svezia, ha elaborato un documento che promuove il poliamore, o – meglio ancora – il matrimonio a numero neutro.

I Verdi, invece, promuovono “leggi di coabitazione” che sostituiscano definitivamente il matrimonio.

Lo Stato non deve interferire nel modo in cui le persone vivono la loro vita”.  

Proprio come si è permesso di sposare chiunque (maschio o femmina), così dovrebbe essere consentito di sposarsi in quanti si vuole”.

Non sono i politici che decidono di chi ci si innamora, e in quanti ci si vuole sposare”.

Queste sono le considerazioni di chi promuove il “poliamore”.

Servirà a qualcosa pubblicare queste notizie?

Capiremo qual è il piano inclinato che imbocchiamo consentendo le unioni civili della Cirinnà?

E’ importante dirle e ripeterle, queste cose. Blu-Dental

A costo di essere insultati da giornaloni alla moda come l’Espresso, a costo di essere attaccati 100 volte al giorno dagli hacker prezzolati dai gruppi omosessualisti, noi continuiamo a dirlo e a ripeterlo:  la società umana si regge sulla famiglia, su un uomo e una donna che mettono al mondo naturalmente i figlioli; un padre e una madre che educano quanto meglio possono, con amore e dedizione, secondo i valori in cui credono e che la natura ha scritto nel cuore di ciascuno, i bambini che hanno diritto di crescere in un ambiente stabile, sereno ed equilibrato, per un armonioso sviluppo fisiologico, biologico, fisico e psicologico. Anche con questi presupposti, certo, possono verificarsi disastri. Senza questi presupposti le probabilità per i piccoli di un trauma aumentano esponenzialmente. E’ un male. E’ un trauma per cui si dovranno curare.

Redazione

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info