28/08/2014

Online per la vita – Combattere l’aborto anche sul web

Online for Life, l’associazione  pro-life su web, con sede a Dallas, che aveva già salvato  2000 bambini dall’ aborto, all’inizio di quest’anno, è sulla buona strada per arrivare a salvarne altri 1000 entro il 2015. Ce ne dà notizia lifesitenews.com, che ha intervistato il suo direttore.

Brian Fisher ha detto che inizialmente salvavano un bambino ogni quattro – sei settimane. Oggi ne salvano uno ogni due o tre giorni.

Il funzionamento dell’attività è dovuto al fatto che – grazie al meccanismo del SEO (Search Engine Optimization)-  le donne che hanno appena scoperto di essere incinte e che cercano sul Web la più vicina clinica per l’ aborto , si imbattono anche nel  più vicino centro aiuto per le gravidanze difficili o indesiderate (On Line for Life è collegato con 41 di tali centri).

Inoltre, grazie alle donazioni che gli consentono di operare, On Line for Life  riesce a raggiungere anche la significativa minoranza di donne che non hanno né computer, né smart phone, attraverso annunci pubblicitari sugli autobus e per le strade.

 

La prima cosa di cui hanno bisogno le donne, soprattutto le giovani e giovanissime, che ancora vanno al liceo, quando telefonano a On Line for Life,  è la simpatia, il sostegno, il non sentirsi giudicate, e soprattutto hanno bisogno di sapere che ci sono alternative all’ aborto : la cultura dominante in cui crescono instilla in loro la convinzione che non ci sia altra soluzione al problema di una gravidanza indesiderata che l’eliminazione rapida del bambino.

Fisher e due altri volontari applicano le  tecniche del marketing online per prevenire l’ aborto fin dal 2009. Tre anni dopo Fisher ha lasciato il suo lavoro e si è dedicato a tempo pieno a On Line for Life. Ora ha 63 dipendenti.

Redazione

 

banner-bussola-quotidiana

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info