28/04/2022 di Luca Volontè

Migliaia di mamme americane contro il gender nelle scuole

Il movimento ‘Moms for Liberty’ cresce e continuerà a svilupparsi sempre più in tutti gli Stati degli USA. Ben 85mila mamme per la libertà si candidano infatti ai consigli scolastici locali in tutti gli Stati Uniti, per combattere l’indottrinamento LGBTI, l’ipersessualizzazione e promuovere la libertà educativa e i diritti dei genitori.

La fondatrice di questo vero e proprio movimento nazionale delle mamme americane, Tina Descovich, lotta per i diritti dei genitori da quando è stata eletta al consiglio scolastico di Brevard County, in Florida, nel 2016. La sua missione è ora condivisa da migliaia di madri in 34 Stati, le quali si sono unite nel movimento “Moms for Liberty” e che si presentano alle riunioni dei consigli scolastici locali per chiedere conto a funzionari scolastici, insegnati e genitori rappresentanti di cosa venga insegnato ai propri figli ed il pieno rispetto dei propri diritti di mamme e papà.

Moltissime di queste mamme sono candidate alle elezioni dei consigli scolastici per poter incidere maggiormente nelle scelte delle scuole e lottare per preservare spazi di libertà educativa nelle scuole. Si sono ampiamente documentate setacciando siti web e richiedendo documenti pubblici per scoprire quali testi e quali contenuti pericolosi (ipersessualizzazione di bimbi, indottrinamento LGBTI ecc.) possano venir impartiti ai figli.

Il movimento ‘Mamme per la Libertà’ esiste solo da 16 mesi, ma sta già avendo un impatto a livello nazionale, poiché queste mamme coraggiose combattono su ogni libro, su ogni immagine, su ogni programma scolastico che possa diseducare i propri figli o non essere pienamente in linea con i propri valori morali.

I video presenti nel sito del movimento, e che ritraggono le mamme di diverse contee che argomentano il proprio dissenso rispetto a programmi e testi scolastici propinati ai loro figli, sono la dimostrazione plastica di come e con quale determinazione le ‘Mamme per la Libertà’ si stiano impegnando in questa battaglia.

La pandemia di covid-19, pur nella sua drammaticità, ha davvero messo i diritti dei genitori sotto i riflettori, ha detto recentemente la fondatrice del movimento Tina Descovich, proprio perché i genitori hanno potuto quotidianamente seguire i propri figli e ciò che stavano imparando a distanza. La Descovich ha detto che l'obiettivo di ‘Moms for Liberty’ è di avere un “gruppo di mamme” in ogni Stato e contea del Paese.

Il prossimo 22 Luglio a Tampa, in Florida, si svolgerà il primo congresso delle Mamme per la Libertà di tutto il paese e, stando così la situazione, è prevedibile pensare che potranno essere molte migliaia le donne presenti e pronte a combattere per il bene più prezioso: i figli e la loro libertà educativa.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info