21/07/2021 di Luca Marcolivio

L’identità di genere. Un pericolo... a “5 Stelle”

Sull’identità di genere, il Movimento 5 Stelle ha gettato definitivamente la maschera. I pentastellati sono sempre stati particolarmente gay friendly ma questa inclinazione era rimasta relativamente sottotraccia durante la passata legislatura e, in particolare, all’inizio dell’attuale, ovvero nei quindici mesi di governo giallo-verde. Nei giorni in cui in Senato, il Movimento fa barricate sul ddl Zan nella sua forma più intransigente, una decisa sterzata verso l’ideologia arcobaleno arriva dal nuovo statuto, che, all’articolo 2-5b («Il rispetto della persona»), tra i «diritti» e le «libertà fondamentali», ricomprende «il pieno diritto ad amare e ad essere amati, nel rispetto delle identità sessuali e di genere. Ogni forma di discriminazione va combattuta, valorizzando un approccio culturale basato sul rispetto dell’altro».

Lo statuto, sul quale gli iscritti si pronunceranno il 2 e 3 agosto prossimi, è stato presentato dall’ex premier Giuseppe Conte, miracolosamente riabilitato dal fondatore Beppe Grillo, sia pure in un clima precario da “separati in casa”. Ebbene, proprio Conte accreditato come l’anima moderata, centrista e “cattolica” del Movimento, il soggetto in grado di raccogliere i consensi più trasversali, avrebbe così sposato la linea più intransigente e divisiva, secondo uno schema già visto con Enrico Letta, da quando ha assunto la guida del Partito Democratico.

Non è un caso che, nell’ambito del M5S, la prima a plaudire alla scelta di Conte, è stata la senatrice Alessandra Maiorino, una degli ultrà del ddl Zan, lei stessa relatrice di un progetto di legge sull’omotransfobia, assai simile a quello attualmente in discussione. «Questo è il MoVimento 5 Stelle che tutti insieme, in questi lunghi anni, abbiamo costruitoI diritti fondamentali della persona non sono negoziabili, non sono “ideologie”, e non sono abdicabili. Sono orgogliosa di questo risultato!», scrive la senatrice Maiorino sul suo profilo Facebook.

Non meno entusiasta Kemal Pasovic, fondatore dell’Osservatorio Parlamentare 5 Stelle per i diritti civili e Lgbt, che a Gaynews ha dichiarato: «Dal 2013 insieme a tantissimi attivisti e parlamentari M5S abbiamo intrapreso una grande battaglia politica sui diritti civili e Lgbt. La svolta di Giuseppe Conte ha reso cristallino il cammino del Movimento su questo tema. Mai più ambiguità ma un impegno che è ormai anche parte dei principi e identità della forza politica».

Se mai qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio, il futuro del Movimento 5 Stelle è lastricato di arcobaleno. C’è da scommettere che su questo aspetto, i “capi politici” che si succederanno nei prossimi anni non transigeranno. E i tanti elettori e iscritti indecisi su questi temi, che ancora credono nel Movimento, dovranno pedissequamente adeguarsi alla dittatura lgbt.

 




FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE CONTRO IL DDL ZAN PER LA LIBERTÀ DI PENSIERO


GUARDA IL DOCUMENTARIO CHE SVELA COME IL DDL ZAN ATTACCA LA LIBERTA' DI TUTTI

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info