08/12/2019

Lettera a La Nazione: «La morte non è mai dignitosa»

Un nostro sostenitore ha scritto una lettera alla Redazione de La Nazione , il giornale che ha celebrato la triste storia del disabile che con la puntuale assistenza dei Radicali chiede l'eutanasia.
 
«Spett. Redazione de "La Nazione" di Firenze.
stiamo assistendo ad un film (dell' orrore) già visto.
Un poveretto che pensa di suicidarsi per avere la "morte dignitosa".
Peccato che la morte non  sia MAI dignitosa, ma sia il contrario esatto della dignità.
E' l' elimiminazione completa della dignità, assieme alla persona che la detiene.
Ogni frammento di vita, sia pure nel dolore più immenso, è qualcosa di infinitamente più grande della morte e quindi infinitamente più dignitoso della morte stessa.
L' espressione "morte dignitosa" è un non -senso. E un parto della nostra lingua, che può partorire assurdità una dietro l' altra, anche se non hanno nessuna corrispondenza con la realtà, anzi, la violentano. 
Posso parlare delle "parallele che si incontrano", o del "cerchio quadrato", o, appunto, della "morte dignitosa".
Questa storia del "suicidio-preventivo-per-sfuggire-al-dolore", è frutto di un diabolico delirio di onnipotenza e della logica del telecomando. Uno pensa di trovarsi davanti alla tv, e girare i canali perchè quello che sta vedendo non gli piace.
Peccato che con la vita non funzioni così. Se schiacci il tasto sbagliato sei morto, e non davanti ad un film più bello.
Ancora più incoscienti sono quelli come Marco Cappato che reggono il moccolo al delirio e assecondano la follìa.. Ci vengono a dire che è la persona stessa che chiede di morire, e non loro che la inducono. Ma se uno pensasse di andare a trovare le fragole su Marte, e l' altro gli dicesse "si, va bene, è la ua volontà, la assecondo... fatti pure una astronave per domani mattina", non sarebbe responsabile anche lui del disastro?  Anzi molto di più della vittima».
 
Angelo Mandelli
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info