10/06/2013

Le donne soffrono dopo un aborto

L’aborto legalizzato è  largamente promosso come vantaggioso per le donne, ma secondo i risultati di una decade di ricerche molte prove mediche e psicologiche suggeriscono il contrario.

L’analisi è stata rilasciata il 23 Maggio all’Assemblea Mondiale della Sanità (WHA) di Ginevra dal Minnesota Citizens Concerned for Life Global Outreach (MCCL GO) e la National Right to Life Educational Trust Fund (NRLC),  di Washington, D.C. Jeanne E. Head, R.N., Patrick Buckley e Scott Fischbach. Questi studiosi si sono trovati a Ginevra per presentare la loro ricerca, chiedendo con rinnovata enfasi di fornire alle donne una migliore cura della salute materna.

“Le donne affrontano numerosi rischi con l’aborto, legale o illegale, e tali rischi sono sostanzialmente maggiori nel mondo in via di sviluppo”, ha dichiarato Jeanne Head, RN, vice presidente per gli affari internazionali e rappresentante delle Nazioni Unite del National Right to Life. “Eppure, alcuni nella comunità internazionale hanno concentrato le proprie risorse principalmente nel legalizzare l’aborto a spese della vita e della salute delle donne.”

“La prova è schiacciante: L’aborto è pericoloso per le donne“, ha detto  il direttore esecutivo Scott Fischbach della MCCL GO. “L’aborto è per sua natura una procedura violenta e dannosa”.

“Piuttosto che legalizzare o promuovere l’aborto, i governi dovrebbero proteggere la pari dignità e i diritti fondamentali di tutti gli esseri umani, comprese le donne e i loro bambini non ancora nati”, ha dichiarato Patrick Buckley, rappresentante principale a Ginevra per il Regno Unito della Society for the Protection of Unborn Children.

La ricerca chiamata: How Abortion Hurts Women, fornisce una panoramica delle vaste ricerche provenienti da più paesi sui rischi dell’aborto. Le complicazioni documentate includono: emorragia, infezioni, danni cervicali, perforazione uterina, malattia pelvica e tessuto fetale o placentare trattenuto. Molti studi provenienti dalla Finlandia, Danimarca e Stati Uniti documentano che i tassi di mortalità materna sono significativamente più elevati dopo l’aborto rispetto alla mortalità materna dopo il parto.

Le conseguenze dell’aborto a lungo termine comprendono successiva nascita prematura, infertilità, cancro, aborto spontaneo, gravidanza ectopica e placenta previa e possono ostacolare notevolmente il successo riproduttivo futuro. Inoltre, l’aborto è associato ad un aumentato rischio di conseguenze psico-sociali negative. Ad esempio, un meta-analisi pubblicata nel 2011 sul British Journal of Psychiatry riporta che dopo l’aborto c’è un 81 per cento di possibilità di avere problemi di salute mentale. Ansia, depressione, abuso di alcol e droghe, suicidio, problemi nelle relazioni sono stati indicati come comportamenti che più frequentemente seguono l’aborto.

Nel mondo in via di sviluppo, questi pericoli aumentano perché manca l’assistenza basica sanitaria. La signora Testa spiega: “L’incidenza della mortalità materna è determinata principalmente dalla qualità delle cure della salute materna. La legalizzazione non migliora i risultati, ma aumenta il numero di donne sottoposte ai rischi dell’aborto. ”

MCCL GO e National Right to Life ha invitato l’Assemblea Mondiale della Sanità a concentrare le proprie risorse sul miglioramento della cura della salute delle donne nel mondo in via di sviluppo.

“Chiediamo alla WHA di riconoscere che l’aborto mette inutilmente le donne a rischio grave, sia fisicamente che psicologicamente”, ha aggiunto Fischbach. “Sollecitiamo l’Assemblea mondiale della sanità ad adottare misure che proteggano le donne dall’aborto e migliorino la cura della salute delle donne.”

L’analisi è disponibile in inglese, francese e spagnolo sul sito GO MCCL, www.mccl-go.org. Le copie sono disponibili presso la WHA conferenza di Ginevra chiamando il signor Fischbach su 001-320-492-9062.

Traduzione a cura di Carmen Fiore

Clicca qui per leggere l’articolo pubblicato da LifeSiteNews in lingua inglese

Fonte: LifeNews

banner Festini

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info