24/03/2017

La Buona Notizia #683 – Lily: dolce testimonial down

La Buona Notizia di oggi ha il volto sorridente di Lily, una bimba di due anni con sindrome di Down.

La piccola, residente nel Regno Unito, è infatti stata scelta quale testimonial del marchio di vestiti e accessori per bambini “Matalan” e da lunedì 20 marzo il suo volto sorridente rallegra i 217 negozi che il marchio ha sparsi in tutto il Paese.

È, questa, una Buona Notizia sulla valorizzazione della diversità in ottica inclusiva: oltre a costituire una novità pressoché assoluta nel campo della moda, si tratta anche di una campagna rivoluzionaria rispetto alla mentalità eugenetica in cui siamo immersi, nella convinzione che è la diversità delle singole persone a dare vita alla bellezza del genere umano. «La bellezza può avere diverse forme, dimensioni e capacità», si legge – non a caso – sulla pubblicità.

Oltre a questo, in questa Buona Notizia vi sono altri due aspetti sono da sottolineare per la loro positività: innanzitutto il fatto che Lily – ben prima di diventare “modella” – è sempre stato l’orgoglio della sua mamma, che non si è mai vergognata di lei ma l’ha sempre accolta nella sua specificità, affermando per esempio che Lily «è la cosa migliore che sia capitata alla mia famiglia. La sindrome di Down non è come tutti se l’aspettano, a volte è dura, ma è difficile crescere qualsiasi bambino di due anni. Lily ha tanti amici ed è capace di fare tutto quello che fanno i suoi coetanei».

In secondo luogo, per sfatare possibili sospetti legati a strategie di marketing e di incremento della visibilità, è importante riportare che la “Matalan” non è nuova a campagne di pubblicità con risvolti anche nel sociale, al fine di valorizzare ogni singola persona.

A lunedì, con un’altra Buona Notizia!

Redazione

Fonte, anche per la foto: NanoPress


Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza... la condivideremo con tutti i Lettori!


 AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info