20/03/2017

La Buona Notizia #679 – Se fai un figlio, l’azienda ti premia

Cominciamo questa nuova settimana della rubrica La Buona Notizia presentando l’esempio virtuoso di un’azienda veneta, la più antica azienda lattiero-casearia del nostro Paese, che ha deciso di premiare i dipendenti che mettono al mondo un figlio.

La decisione, assolutamente controcorrente, è un’idea dell’amministratore della “Brazzale”, il cinquantaquattrenne tre volte padre Roberto Brazzale: verrà assegnato uno stipendio di 1.500 euro a tutti coloro – madri o padri – che mettono al mondo un figlio o che lo adottano. Ad un’unica condizione: essere assunti da due anni e garantire la presenza nel biennio successivo al lieto evento.

«Mi ha colpito – ha affermato Brazzale a La Repubblica il fatto che cifre tanto impressionanti sula denatalità non smuovano né lo Stato, né i privati. Milioni di lavoratori anche in Occidente ormai guadagnano il necessario per se stessi, ma non per realizzare i progetti famigliari. Una società così si estingue. Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignità è uno scandalo. Ma ancora più inaccettabile è l’assenza di un sostegno reale alla vita».

Forse non sarà per via di questa Buona Notizia, ma nell’azienda sono già due i dipendenti che beneficeranno di questo bonus, e speriamo che altri se ne aggiungano a breve. Nella consapevolezza, propria dello stesso Brazzale, che non sono di certo 1.500 euro a determinare la scelta o meno di mettere al mondo un figlio: eppure «il messaggio culturale prevale – sostiene correttamente l’amministratore – su quello materiale ed è la fiducia nel futuro: vogliamo che i giovani che investono sulla vita si sentano a proprio agio e che non debbano preoccuparsi del lavoro».

Speriamo che questa azione virtuosa venga ripresa e imitata da altri. Non chiediamo che sia lo Stato a farlo, perché sarebbero parole sprecate: puntiamo sui tanti (piccoli e grandi) imprenditori di buona volontà che tengono viva l’Italia.

A domani, con un’altra Buona Notizia!

Fonte: Aleteia


Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza... la condivideremo con tutti i Lettori!


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info