10/09/2019

Il dolore della giornalista Francesca Barra per l'aborto

Lo scorso maggio, la giornalista Francesca Barra, moglie dell’attore Claudio Santamaria, aveva comunicato la dolorosa notizia della perdita del suo bambino. Ma solo in questi ultimi giorni, tramite un lungo post pubblicato su Instagram, è riuscita a spiegare l’immensa sofferenza di un lutto che sembrava non avere mai fine.

La giornalista ha cercato di descrivere il senso di sgomento di fronte a questa perdita improvvisa:  «Il nostro bimbo, tanto cercato, tanto voluto, che finalmente era dentro di me contagiandoci con gioie e progetti e con cui poi abbiamo lottato aggrappandoci alla più piccola e improbabile speranza, ha interrotto il suo cammino prematuramente lasciando un vuoto che non riusciamo a riempire con nulla». Ha raccontato poi la sofferenza psicofisica vissuta durante l’aborto spontaneo: mesi duri di attese, esami, controlli medici, risucchiati in un inesorabile lutto. Un corpo ferito dall’improvvisa interruzione di gravidanza, insieme ad un cambio ormonale destabilizzante. Ma soprattutto, la sensazione scioccante di ritrovarsi un corpo completamente trasformato in funzione della piccola vita che si prestava ad accogliere che, invece, all’improvviso non c’era più: «Tutto era cambiato dentro e fuori: capelli, unghie, pancia, dolori alla schiena, emotività. Un bambino non nato, non è entità. Ma un bambino che è cresciuto con te, che hai visto muoversi, respirare, a cui hai visto il cuore battere».

Un periodo a cui è seguita una faticosissima risalita che le ha permesso di ritornare all’essenziale. Per questo, la giornalista ha detto che non cancellerà mai questa fase della sua vita e ha esortato le donne a fare sempre appello alla loro forza interiore, tenendosi lontane dall’inganno di una società che sembra avere a cuore unicamente l’ossessione per l’immagine e la superficialità, riducendo l’esperienza e la bellezza della femminilità ai ritocchi estetici.

 

di Manuela Antonacci

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info