15/06/2016

Ideologia gender e lobby Lgbt: una risata le seppellirà!

L’ideologia gender non si combatte solo con l’argomentazione filosofico-scientifica. Un’altra arma molto utile è quella dell’ironia.

Chi la conosce un poco, sa che la Germania non è un Paese di musoni. Nonostante l’apparenza e, per così dire, le caratteristiche tipiche  di quanti vivono in luoghi più freddi e con meno sole, i tedeschi sanno ridere. Eccome.

E così accade che nel Parlamento dello Stato federale di Brandeburgo, di fronte alla proposta dei Verdi di approvare una legge che consenta di ampliare i generi e le identità sessuali nei document in modo da permettere a tutti di sentirsi meglio identificati e rispettati dalle istituzioni, Steffen Königer, un deputato dell’emergente partito di destra Alternative für Deutschland, ha ridicolizzato gli ideologi gender (che, nel suo Paese, hanno già fatto molti danni).

Intervenendo in merito alla brillante idea dei suoi colleghi ambientalisti di sinistra (i verdi – soleva dire Andreotti – sono come le angurie: verdi fuori e rossi dentro), Königer ha iniziato il discorso in maniera diversa dal solito (qui sotto postiamo il video con sottotitoli in inglese, ma comunque comprensibilissimo per tutti).

Dopo aver salutato, come consuetudine, il presidente dell’assemblea e gli altri deputati (signori e signore), ha sciorinato tutte le possibili declinazioni di questi saluti in base ai vari tipi di genere. In pratica, in due minuti ha elencato sessanta tipi di presunte identità sessuali, comprendendo, tra gli altri, gli ormai tradizionali gay, lesbiche e transessuali, e poi i pansessuali, i pangender, gli ermafroditi, i bi-gender, gli a-gender, il terzo sesso e così via. Quando dal banco della presidenza si è cercato di interromperlo per farlo arrivare al dunque, il deputato ha detto di non aver ancora finito di menzionare tutti gli appartenenti alle varie categorie.

Terminato il tutto, Königer (che ha poi ammesso di aver cercato e trovato i sessanta generi su Facebook), ha detto semplicemente che il suo movimento politico avrebbe rifiutato la proposta di legge dei Verdi.

Come dicevano gli anarchici di fine XIX secolo e poi il movimento sessantottino, ovvero gli antesignani di quanti oggi vogliono sovvertire la natura umana stessa, “una risata vi seppellirà“.

 

Redazione

Fonte: Actuall


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info