23/08/2021

I bambini hanno diritto di morire?

La legislazione canadese sull'eutanasia è sotto costante pressione per ampliare le basi per l'ammissibilità all'assistenza medica in caso di morte. L'ultimo caso è una richiesta di una madre single di quattro ragazzi, in Quebec, che chiede di  uccidere suo figlio di quattro anni gravemente disabile.
 
Abel Tremblay-Pelletier, figlio di Karie-Lyn Pelletier, della piccola città di L'Islet nel sud del Quebec, soffre della sindrome di Mednik (o Kamouraska), una malattia genetica estremamente rara e incurabile che si trova principalmente in Quebec. È intellettualmente e fisicamente disabile. Ha spesso crisi che lo portano sull'orlo della morte.
 
I media del Quebec hanno riferito che due politici locali hanno avuto un incontro con la signora Pelletier per discutere del futuro di Abel. Al momento, i bambini non possono accedere a MAiD (eutanasia), ma lei chiede un cambiamento della legge. 
 
Michel Bureau, un medico del Quebec che rappresenta la Commission sur les soins de fin de vie (Commissione sulle cure di fine vita), un gruppo per il diritto alla morte, afferma che sta diventando ovvio che devono esserci protocolli anche per i bambini .
 
Una commissione parlamentare federale si è riunita in tal senso. 
 
Lo stesso dottor Bureau, però, riconosce che è possibile un pendio scivoloso verso l'eugenetica: si lascerà vivere solo chi è bello e perfetto?
 
E, ci chiediamo, "l'autodeterminazione" del bambino? Chi lo ha detto che un piccolo disabile, nel suo mondo, non sia perfettamente felice - per esempio - quando è tra le braccia della mamma?
 
Fonte: BioEdge
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info