12/07/2022 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Grembiule giallo a scuola. Pro Vita & Famiglia: «Preside pensi a vere priorità, non a ideologie»

Pistoia, 11 luglio 2022

«Mentre la scuola italiana si avvia verso il terzo anno di pandemia, con l’incognita mascherine nelle classi, investimenti mancanti e gli appelli inascoltati degli scienziati sui sistemi di ventilazione ancora inesistenti, il preside di una scuola di Borgo a Buggiano, il professor Alessandro Paone, pensa che la priorità sia un grembiule giallo per bambini piccoli e piccolissimi, facendo riferimento al loro immediato futuro, quando avranno tra gli 11 e i 14 anni, e ad un non meglio specificato “sviluppo dell’identità di genere”. Forse gli intenti del preside erano benevoli e in buona fede, poiché specifica - e meno male! - che “i bambini e le bambine non sono uguali”, ma questa iniziativa si presta a interpretazioni ideologiche e “fluide” troppo facili. Quali sarebbero, infatti, gli stereotipi da combattere con il colore giallo? Se è una scelta di libertà, perché non far scegliere ai genitori? Il Preside chiarisca e fughi ogni dubbio di indottrinamento gender», così Donatella Isca, referente regionale per la Toscana di Pro Vita & Famiglia Onlus.

STOP GENDER NELLE SCUOLE - FIRMA QUI!

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info