18/08/2017

Gender nei giocattoli: in un video gli “stereotipi”?

Un video della BBC vuol dimostrare che gli adulti sono influenzati dagli “stereotipi gender” quando giocano con i bambini.

Sarà anche vero: siamo portati ad  offrire alle bambine le bambole e ai bambini le costruzioni... ma ai produttori del filmato, distratti, è sfuggito un piccolo – grande particolare che dà una bella mazzata alla teoria del gender (il gender, appunto, come frutto dell’educazione e non della natura: not nature, but nurture).

L’esperimento consiste nel vestire un bambino da femmina e una bambina da maschio. Gli adulti, che non lo sanno, li fanno giocare. E effettivamente all’apparente bambino offrono giochi da maschio e all’apparente bambina offrono giochi da femmina.

Ma se guardate bene l’estratto video qui sotto, quando la signora bionda offre al bambino vestito da femmina il bambolotto, il piccolino si gira e spontaneamente va a prendersi un robot. Poi, ovviamente, di fronte all’insistenza della signora, presta attenzione anche al bambolotto.

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/provitaonlus/videos/1478669878838896/” width=”500? height=”400? onlyvideo=”1?]

Insomma, se tutta la cosa è stata montata per dimostrare che noi adulti siamo influenzati dagli stereotipi gender, involontariamente il video dimostra che i bambini hanno gusti determinati proprio dal sesso biologico (se volete approfondire leggete qui, e qui, e qui).

Che poi i piccoli sono facilmente influenzabili, con l’educazione (nurture) è un altro paio di maniche. Ma “educare”, da “e-ducere” vuol dir proprio aiutare i bambini a confermare e rafforzare ciò che la natura gli ha dato: le inclinazioni, le abilità e anche il gender adeguato al sesso.

Pretendere che i bambini siano di gender “neutro” e “lasciarli liberi” di “essere” ciò che si vuole, vuol dire farne dei bambini confusi che poi diventano adulti disadattati.

Redazione


AGISCI ANCHE TU, FIRMA LA NOSTRA PETIZIONE: NO all’eutanasia! NO alle DAT!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info