01/09/2022

FLASH – UK. Bambino dichiarato "cerebralmente morto" inizia a respirare da solo

In questi giorni un medico inglese ha affermato di essere rimasto "scioccato" quando un bambino ha iniziato a respirare da solo due settimane dopo essere stato dichiarato morto a livello cerebrale.

Com’è noto l’Inghilterra ha già abbracciato da anni la cultura della morte, sacrificando in nome del loro “best interest” molte giovani vite per cui era ancora giusto lottare. Si pensi a Charlie Gard o al giovane Archie Battersbee, ucciso solo poche settimane fa.

Quest’estate un altro bambino di appena quattro mesi ha rischiato di fare la stessa fine, perché dopo due test era stato dichiarato “cerebralmente morto” dai medici e l’ospedale aveva mantenuto attiva la ventilazione per il bambino solo perché c’era una controversia legale in corso.

A luglio però, i medici che lo stavano curando in un ospedale di Londra sono stati costretti ad annullare il loro “accertamento clinico di morte" dopo che un'infermiera ha notato che il bambino aveva una respirazione ritmica indipendente.

Un caso incredibile che dovrebbe far riflettere molto sull’attuale definizione di “morte cerebrale” e sull’applicazione di certi protocolli che ledono direttamente il diritto alla Vita delle persone.

Fonte: Euthanasia Prevention Coalition

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info