11/07/2020

FLASH - Toglieremo il sesso dai certificati di nascita?

I Paesi Bassi dovranno rimuovere l'indicazione del sesso sulle carte d'identità entro il 2024 o il 2025: la lobby Lgbtqia(...), infatti, sostiene che le persone "non binarie" soffrono terribilmente nel doversi dichiarare maschi o femmine. 
Ma lo scopo ultimo della potente lobby è quello di eliminare il riferimento  al sesso del  neonato sui certificati di nascita. Del resto la neolingua già ci ha insegnato ad usare l'epressione "sesso assegnato alla nascita" - che non è vera, perché il sesso di una persona è un dato oggettivo, "assegnato" dalla natura nel Dna.
La soluzione dell'inserimento di una terza casella (M - F - X) non è gradita perché ancor più discriminante e ghettizzante, secondo gli esperti in parità di diritti.
 
Secondo quanto previsto dagli enti governativi olandesi che studiano gli sviluppi di questa questione, anche gli imprenditori e tutti gli organismi pubblici e privati dovranno limitare la registrazione del sesso delle persone che hanno a che fare con la loro attività: sarà possibile solo in casi eccezionali. Già esiste un gruppo di lavoro ufficiale  per esaminare i casi di "registrazione sessuale non necessaria".
 
Quando in Olanda o altrove il sesso diventerà legalmente del tutto irrilevante, avremo poliziotti maschi che potranno perquisire anche le donne, e i programmi nazionali di prevenzione del cancro al seno o all'utero che comportano il richiamo di tutte le donne di una certa età  non si potranno più fare.
 
Un domani che qualcuno proponesse in Italia leggi analoghe, se sarà approvata la legge Boldrini-Scalfarotto-Zan, nessuno potrà opporvisi, pena la galera.
 
 
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info