08/09/2022

Oggi la prima Giornata Mondiale contro l'aborto

E' stata celebrata oggi, 8 settembre, la prima «Giornata mondiale contro l’aborto». Un’iniziativa dal basso pensata dal Comitato Liberi in Veritate e a cui aderiscono alcuni volti noti del variegato mondo pro vita italiano. Il tempo dirà se riuscirà a radicarsi e diffondersi dentro e fuori i confini italiani.

Il comunicato che presenta l’iniziativa ricorda che la pratica dell’aborto reca con sé diverse vittime, «la prima e più grave» delle quali è ovviamente il bambino nel grembo materno. Ma ci sono, a cascata, altre vittime, come le madri, «ingannate fino all’inverosimile da un sistema in grado di indurle a non riconoscere quanto hanno di più prezioso, la vita del loro figlio nel proprio seno»; nonché i padri, «resi inconsapevoli e irresponsabili dei loro atti sessuali fino a perdere il loro ruolo e la propria identità».

Il comunicato sottolinea anche il degrado morale, di stampo relativista, che oggi caratterizza certo mondo della medicina e le leggi che disconoscono l’elementare diritto alla vita dei nascituri. Tra le vittime dell’attuale contesto culturale, si individua anche l’opinione pubblica «incapace di un proprio pensiero critico» e convinta che una grazia, come l’attesa di un figlio, possa essere un «problema da risolvere» attraverso l’aborto.

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info