03/11/2021

FLASH – Ecco come Il ddl Zan torna nel decreto infrastrutture

Il senatore di Fratelli d'Italia Lucio Malan ha affermato in una nota che il disegno di legge Zan contro l'omofobia "respinto dal Senato una settimana fa, torna attraverso tre commi infilati in modo piratesco alla Camera in articolo del decreto-legge recante 'disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale'".

Il senatore ha spiegato che “l'emendamento 1.294, approvato senza illustrazione e senza discussione, proposto da Alessia Rotta e Raffaella Paita, entrambe Pd, presidenti rispettivamente delle commissioni Ambiente e Trasporti della Camera e autonominatesi relatrici del decreto, vieta 'sulle strade e sui veicoli qualsiasi forma di pubblicità il cui contenuto proponga messaggi sessisti o stereotipi di genere offensivi o messaggi lesivi del rispetto, del credo religioso o dell'appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all'orientamento sessuale, all’identità di genere. Insomma, in base a queste espressioni, in parte vaghe e ambigue e in parte espressione esplicita dell'ideologia 'gender' come il concetto di 'identità' di genere' che tanto ha fatto discutere quando contenuto nel Ddl Zan, potrà essere rimossa pubblicità o vietata la circolazione di chi non si conforma all'ideologia di Stato introdotta di soppiatto”.

“I dettagli, spiega il comma 4-ter, mimetizzato come 'comma 1, lettera a-quater, numero 1' saranno definiti con un decreto del ministro delle pari opportunità Elena Bonetti, aperta sostenitrice del Ddl Zan. Un cartellone pubblicitario con la foto di una bella donna sarà considerato 'sessista'? Una donna che stira o un uomo che nella pubblicità di un film salva una fanciulla saranno considerati 'stereotipi di genere'? Un adesivo su un'auto con scritto che Gesù è figlio di Dio o che Cristo è Re sarà considerato lesivo dei non cristiani? Una pubblicità che raffiguri solo coppie uomo/donna sarà lesiva delle persone Lgbt?”.

“Non sono domande oziose, sono casi che già si sono verificate all'estero, ad esempio nel Regno Unito, dove questa ideologia è già entrata nelle leggi. Basti ricordare che, anche senza questa norma, sindaci di sinistra hanno vietato cartelloni e autocarri 'vela' che dicevano semplicemente 'i bambini sono maschi, le bambine sono femmine'. Gli adepti del 'gender' dovrebbero avere il coraggio di portare avanti le loro istanze in maniera aperta, non in un articolo e un decreto-legge che parla di tutt'altro”.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info