18/10/2021

FLASH – Ginecologa abortista diventa un’attivista pro-life: la testimonianza

Passare da pro-aborto a pro-vita è stato un processo lungo e doloroso per la dottoressa Kathi Aultman, ma la sua storia testimonia in maniera davvero toccante come alla fine la verità trionfi sempre sulla menzogna.

Aultman è un'ostetrica in pensione che un tempo praticava aborti e che ha abortito uno dei suoi figli prima che Dio finalmente cambiasse il suo cuore. Ora è una sostenitrice del movimento pro-life e porta la sua testimonianza di fronte ai legislatori, contribuisce alla ricerca a favore della vita e recentemente ha anche esortato la Corte suprema degli Stati Uniti a porre fine alla legge Roe v. Wade.

In una nuova intervista alla Catholic News Agency, Aultman ha descritto gli eventi che hanno portato alla sua conversione.

Figlia di un pastore metodista, ha detto di aver sempre avuto un fascino per la biologia anche da bambina. Ha studiato scienze al college e in seguito ha deciso di diventare medico.

I suoi sogni si sono sentiti minacciati, tuttavia, quando mentre frequentava la scuola di medicina in Florida, ha scoperto di essere incinta. Era la metà degli anni '70 e Roe v. Wade aveva appena costretto tutti gli Stati Uniti a legalizzare l'aborto su richiesta.

"Ed è la stessa vecchia storia", ha detto Aultman alla CNA. "Pensavo che... se avessi tenuto il bambino, non sarei stata in grado di diventare un medico. Avevo paura che saremmo finiti con il divorzio, perché ci dovevamo ancora sposare. Avevo paura di quello che avrebbe pensato la mia famiglia e i miei amici. Così ho deciso di abortire".

Ma Aultman all’epoca si era convinta che l'aborto fosse un diritto delle donne, specialmente dopo la sua stessa esperienza. Ha imparato come eseguire gli aborti del primo trimestre. Ha anche seguito una formazione speciale al di fuori del suo programma per imparare come eseguire aborti tardivi e aborti di smembramento. Dopo aver ottenuto la sua licenza medica, Aultman ha iniziato a lavorare in una clinica per aborti.

Ha detto che all’epoca non riconosceva i bambini abortiti come bambini, per lei erano solo tessuti e organi. "Ero affascinata", ha detto. “Ho pensato che fossero così interessanti. Amavo inviare parti fetali al reparto di patologia in modo da poter guardare le diapositive e vedere che aspetto aveva il tessuto embrionale. Non li vedevo come persone".

All'inizio, il lavoro non la infastidiva. Le cose hanno cominciato a cambiare dopo che ha partorito per la prima volta. Ha detto alla CNA che l'esperienza le ha fatto capire che gli aborti che stava facendo coinvolgevano due vite, non solo una.

Ha detto che continuava a fare aborti, ma la coscienza la tormentava. Poi, un giorno, ha sentito una paziente dire a un'amica che non voleva vedere il suo bambino, affermando “Voglio solo ucciderlo".

“E mi ha colpito, sai, come poteva essere così ostile e arrabbiata con questo piccolo bambino. Non aveva fatto niente di male. Questo mi ha davvero colpito", ha ricordato.

Attraverso la sua pratica ginecologica e la vita personale, ha affermato di aver iniziato a vedere il contrasto tra la sofferenza delle donne che avevano abortito e la gioia delle madri che avevano scelto la vita per i loro bambini, nonostante le circostanze difficili.

"Lentamente, ho iniziato a chiedermi se tutto ciò in cui credevo fosse vero", ha detto Aultman. La svolta finale è avvenuta quando ha iniziato a leggere dell'Olocausto nella Germania nazista e si è resa conto di non essere diversa dai medici tedeschi che hanno commesso crimini orrendi contro gli ebrei e altri gruppi presi di mira. "Questo è stato il momento in cui ho capito che l'aborto era sbagliato e sono diventata pro-vita".

Aultman ha detto alla CNA di aver trovato il perdono e la guarigione in Cristo per aver abortito il suo bambino non ancora nato e quelli di tante altre donne. Ora è una sostenitrice della vita. Di recente, si è unita a 240 donne pro-life nella firma di un documento che sollecita la Corte Suprema degli Stati Uniti a porre fine a Roe v. Wade e a proteggere nuovamente i bambini non ancora nati.

"Ero una di quelle che credevano che le donne dovessero abortire per avere successo", ha detto al notiziario. “Era una bugia. Non era vero. Avrei potuto ancora essere una professionista, avrei ancora potuto fare quello che ho fatto, come hanno fatto molte altre donne con cui mi sono formata”.

Fonte: LifeNews

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info