17/03/2020

FLASH - Eutanasia, quando il sofferente è un "pezzo di ricambio"

Un articolo di Clinical Ethics promuove il MAID (l'Assistenza medica nel morire, quindi, eutanasia, suicidio assistito, rimozione dei sostegni vitali, ecc...) con due argomentazioni fondamentali: elimina la sofferenza e favorisce la pratica della donazione degli organi. Così esposte, tali argomentazioni sono del tutto fuorvianti: anzitutto queste pratiche non eliminano la sofferenza, ma il sofferente, poi mostra tali pratiche come una forma di altruismo, perché consente l'espianto degli organi per curare altre persone. Ma i sofferenti non sono pezzi di ricambio per delle vite di serie A, sono persone: meritano di essere curate e aiutate a vivere, no spinte al suicidio, presentando quest'ultimo come una sorta di generosità.

Fonte: Life News

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info