15/01/2020

FLASH - Eutanasia, De Mari: «Ogni sofferenza può essere lenita se condivisa»

«Il malato va consolato, non ucciso, perché ogni sofferenza può essere lenita se condivisa con qualcuno disposto a farsene carico. Invece il suicidio assistito è la scorciatoia per rimanere indifferenti al bisogno altrui. Anziché curare, ci limitiamo a fornire il veleno». La dottoressa Silvana De Mari ci aiuta a riflettere sui gravissimi pericoli a cui una possibile legge sul fine vita può esporre i più deboli.

Fonte: La Verità

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info