13/09/2022

FLASH – Australia. Ragazza si identifica come “gatto” e non parla più a scuola

Il mondo arcobaleno non finisce mai di stupire. A Melbourne, in Australia, un’adolescente ha iniziato a identificarsi come gatto e ha smesso di parlare. Nonostante questo la sua scuola privata sì è mostrata molto comprensiva e ha incoraggiato di fatto il suo “comportamento animale”.

La scuola le permette infatti di esprimere liberamente questa identità, purché non crei disturbo al normale svolgimento delle lezioni: "Sembra che nessuno abbia un protocollo per gli studenti che si identificano come animali, ma l'approccio è che se non interrompe l’attività scolastica, tutti devono essere di supporto". 

Pare che questo non sia il primo caso di identità fluida declinata in stile "animalier": qualche mese fa, sempre a Melbourne, uno studente si era identificato come cane, mentre lo scorso marzo a Brisbane, alcune studentesse avevano iniziato a indentificarsi come gatti e volpi, tanto da camminare a quattro zampe e tagliare le proprie divise studentesche in modo da lasciare spazio alle "code".

Si tratta di casi che possono essere fatti rientrare all’interno del fenomeno dei “Furries”, una sottocultura di persone che si identificano e si travestono come animali. Molti si stupiscono davanti a questi fatti, ma era evidente che una volta accettati i principi dell’ideologia Gender si sarebbe arrivati in breve tempo anche a questo.

Fonte: Daily Mail

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info