28/04/2020

FLASH - Alfie vittima dell'eutanasia, a due anni dalla morte

Mai dimenticheremo il piccolo Alfie Evans, condannato a morte da un tribunale e ucciso dalla cultura dell'eutanasia contro la volontà dei genitori, che hanno fatto di tutto per salvarlo. La vicenda sconcertante di questo bambino, fatto morire di fame e di sete "nel suo miglior interesse", come dicevano", perché non ritenuto degno di vivere, continui ad aprirci gli occhi su cosa potrebbero portare nuove aperture all'eutanasia. Già si moltiplicano gli eventi in cui essa viene praticata senza consenso. La civiltà è in pericolo: diciamo seriamente "Stop!" alla cultura dello scarto e della morte. Basta eutanasia, bisogna "eliminare la sofferenza, non il sofferente".

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info