10/03/2017

Film pro vita: “Footprints” un trailer per un buon cammino

Molti dei nostri Lettori ci hanno segnalato che “La Terra di Maria”, di cui abbiamo parlato qui, pur essendo un film a sfondo religioso, è piaciuto molto anche a spettatori laici e “mangiapreti”: perché è stato un inno alla vita.

Dello stesso regista, Manuel Cotelo, sta girando in Italia un altro film. Questo è una metafora della vita: parla di pellegrinaggio, di cammino e di crescita, cioè dell’esperienza di ogni essere umano. Si intitola “Footprints” che vuol dire impronte.

Certamente destinato ad un pubblico di credenti, siamo certi che anche questo lungometraggio potrà piacere a un pubblico laico, come del resto il Cammino di Santiago viene percorso anche da persone non credenti: purché amanti della vita. Guardate, in basso, come comincia...

Ce ne parla il responsabile della distribuzione.


“Footprints, il cammino della vita” è una storia vera che vede protagonisti 10 giovani a cui un sacerdote, padre Sergio, propone di affrontare il cammino di san Giacomo: 940 km in circa 40 giorni.

Il cammino di Santiago è il più antico della storia del cristianesimo, infatti i primi pellegrini partirono nel IX sec. diretti alla tomba di san Giacomo nel ‘Campo delle Stelle’. Perché proprio in quel luogo, con questo nome affascinante, nel nord della Spagna, secondo la tradizione furono riscoperti i resti dell’Apostolo san Giacomo Maggiore.

Un cammino faticoso, pieno di pericoli e difficoltà , l’alternarsi di freddo e caldo , lo scoraggiamento dei protagonisti e la possibilità di abbandonare, ma alla fine tutto il gruppo supera gli imprevisti ed arriva a destinazione . Il cammino dei protagonisti ci sorprende per l’intensità delle emozioni vissute e per i paesaggi descritti dal regista nei minimi particolari.

Il Cammino della Vita che Manuel Cotelo descrive – dicevamo – è un cammino pieno di fatica ed anche sofferenza fisica. Ma è soprattutto un cammino della vita spirituale. L’inizio del film descrive il primo giorno di vita di un bambino e la sua prima impronta impressa su un foglio di carta. E poi i passi della vita, i primi passi, le prime cadute, la corsa, la prima pedalata. Il cuore del film è proprio la vita. Footprints_cammino_vita

Infatti il dono della vita , il dono della riscoperta della fede dei protagonisti , la scelta del proseguire o meno nel cammino si fonderanno al fine di comprendere il senso della vita, chi siamo, perché nasciamo e qual è la direzione da prendere o meglio la direzione giusta.

Dio aspetta sempre: i protagonisti lo comprenderanno in questo lungo viaggio. Lo spettatore si renderà conto entrare di persona in ogni luogo si trovi con i protagonisti. Il dono della vita ed il dono della fede sono l’essenza del film e seguendo il motto ideato dal regista per questo lavoro, ‘il film che cammina’ , la casa di produzione Infinito più Uno ha deciso di devolvere parte degli incassi a famiglie e persone senza fissa dimora.

Giorgio Paternostro

Il film ha già ottenuto un notevole successo a Faenza, Viareggio, Partinico (PA), Napoli, Magnago (MI), Riolo Terme (RA), Prato, Rimini, Modena, Pesaro, Matelica (MC), Cagliari, e Altamura.

Le prossime proiezioni si terranno a Ravenna (martedì 13 e 14 Marzo alle ore 21:00 Cinema Mariani, Via Ponte Marino, 19), Firenze (martedì 14 e 15 Marzo alle ore 21:15 Sala Esse, Via del Ghirlandaio, 38), Roma (martedì 14 Marzo alle ore 20:30, cinema Adriano, Piazza Cavour, 22), Milano (giovedì 30 e venerdì 31 Marzo alle ore 21:00 Cineteatro San Carlo, Piazza Cavour, 22).

 



AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info