15/01/2022

FALSH - L'ideologia trans sta distorcendo la formazione dei medici americani

Molti giovani medici e professionisti della sanità hanno iniziato a denunciare il problema dell’influenza dell’ideologia transgender sulla partica medica.

Gli organismi professionali, inclusa l'”American Academy of Pediatrics”, hanno infatti ormai approvato la pratica "affermativa di genere", che accetta l'autodiagnosi dei pazienti che si definiscono trans. Questo può significare la prescrizione di bloccanti della pubertà anche per bambini di appena nove anni.

La medicina trans non è una parte fondamentale dei programmi di studio delle scuole di medicina, ma un pediatra accademico (che ha voluto restare anonimo) ha detto che tutti gli studenti di medicina capiscono che ci si aspetta che seguano il modello dell'affermazione di genere "acriticamente e senza fare domande". Per la maggior parte dei medici ciò significherà indirizzare un paziente a una clinica di genere, alcune delle quali prescrivono bloccanti o ormoni sessuali incrociati già alla prima visita. Il pediatra ha descritto così questo modus operandi: "Trattiamo le infezioni con antibiotici, senza fare domande e per questi casi è esattamente la stessa cosa".

Le procedure per il cambiamento di genere hanno arrecato danni irreversibili al corpo di alcuni giovani. Ciò è stato reso particolarmente evidente dall'esperienza dei "detransitioner", le persone che si pentono di aver assunto ormoni o di aver rimosso il seno o i genitali. Infatti i bloccanti della pubertà impediscono anche alle ossa di svilupparsi correttamente; se combinati con gli ormoni sessuali incrociati possono portare all'infertilità e all'incapacità di avere un orgasmo.

Una studentessa di 26 anni in una scuola di medicina in Florida che intende diventare pediatra è rimasta scioccata quando ha compreso che non le era stato insegnato nulla sugli effetti di questi trattamenti, mentre "per altre malattie o trattamenti viene descritto in modo approfondito ogni possibile effetto collaterale".

Gli accademici della facoltà di medicina suggeriscono due ragioni per tutto questo. Il primo è la paura. Infatti molti attivisti trans maltrattano chiunque esprima pubblicamente preoccupazioni su questi trattamenti. L'altro è l'ignoranza. Un pediatra che insegna in una scuola di medicina in Florida afferma che una volta che i medici hanno terminato la loro formazione, molti prestano scarsa attenzione alla nuova ricerca medica e si affidano piuttosto ai media per le informazioni e in America c'è stata poca copertura sui pericoli dei bloccanti o sui problemi avuti dai detransitioner.

Fonte: The Economist

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info