18/12/2013

Eutanasia, stanno tentando di truccare le carte

Fa scalpore un sondaggio che premia il “diritto al suicidio assistito”. Esclusi però i prolife

Le associazioni francesi di difesa della vita denunciano un pericoloso scadimento del dibattito bioetico in Francia, dopo la pubblicazione delle conclusioni di un gruppo di 18 cittadini scelti dall’Istituto demoscopico Ifop, su domanda del Comitato consultivo nazionale d’etica, per offrire il proprio “contributo” alla preparazione di una nuova legge sul fine vita programmata l’anno prossimo. Nelle conclusioni, il gruppo si esprime a favore di un “diritto al suicidio assitito” e per “eccezioni” al divieto dell’eutanasia. Fra gli esperti ascoltati dal gruppo, nell’arco di appena 4 fine settimana, figura pure il presidente della principale associazione pro-eutanasia (Admd), mentre sono assenti le associazioni a favore della vita. Tugdual Derville, delegato generale dell’Ong Alliance Vita, ha rivolto alle autorità questa domanda: “Come mobilitare tutta la società per la prevenzione del suicidio a ogni età, dall’adolescenza alla vecchiaia, e organizzare una politica opposta per le persone dipendenti o in fin di vita? Sarebbe lasciar credere che ci sono delle “sub-vite” non degne di essere rispettate”. Altre associazioni ricordano che il governo non ha ancora rispettato i propri impegni in materia di cure palliative.

di Daniele Zappalà

banner loscriptorium

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info