27/06/2017

Eutanasia e libero mercato (della morte)

Un noto bioeticista australiano, Daniel Fleming, ha scritto un’interessante riflessione sui rischi che si corrono introducendo l’eutanasia o il suicidio assistito in un sistema economico di mercato.

Si sa, infatti, che, una volta che le procedure mediche – non solo l’eutanasia e il suicidio assistito – vengono introdotte in un particolare contesto sociale, si trovano ad essere governate secondo l’ideologia dominante in quel contesto sociale. Nelle economie di libero mercato, l’ideologia dominante è il capitalismo. Quindi la logica del profitto.

E allora, quale sarà l’impatto sul mercato dei “servizi” forniti dalle aziende sanitarie, in specie quelle private e convenzionate, della legalizzazione dell’eutanasia? E’ naturale che le imprese puntino al profitto. E per massimizzare il profitto puntano a allargare il fatturato, quindi a diffondere il “prodotto”, a ampliare la clientela... Tutti i boia in camice bianco che si specializzano nella fornitura di eutanasia pianificheranno strategie di marketing in tal senso? Perché no? Se è legale...

E poi c’è l’indotto: le case farmaceutiche che producono i veleni, le compagnie di assicurazione e gli enti previdenziali: è già un dato di fatto accertato e misurabile che  nei luoghi dove l’eutanasia è legale le aziende di questo tipo traggono più profitto nel sostenere i costi dell’eutanasia piuttosto che quelli delle cure palliative o della chemioterapia: in Oregon diversi malati hanno già denunciato la cosa.

Queste sono considerazioni scomode, ma i legislatori che si accingono a legalizzare le DAT e l’eutanasia passiva che esse introducono dovrebbero ragionarci su.

Ma sappiamo bene che sono accecati dall’ideologia mortifera.  E allora: “Venghino, siori, venghino! La bella morte un tanto al chilo! Offerta speciale: facciamo fuori due nonni al prezzo di uno! Ma solo per pochi giorni: affrettatevi!” 

Lorenzo Ponziani

Fonte: BioEdge, ABC news

 


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info