21/06/2014

“Educazione” porno all’asilo: ProVita denuncia e Facebook censura!

Ci sono sempre state le “cose per i bambini” e quelle “da grandi”. Poi vi erano le cose per tutti, letture od esperienze da fare preferibilmente assieme. Differenziazione naturale.

Poi ci si è resi conto che erano più gli adulti a guardare i cartoni animati mentre i figli restavano attaccati alla tivvù fino ad orari assurdi per seguire quel film horror in seconda serata o il reality di cattivo gusto.

Quindi sono arrivati i bollini: verde –adatto anche ad un pubblico di minori; giallo-guardare assieme ad un adulto; rosso-il programma contiene aspetti solo per grandi.

C’è stato un periodo in cui l’associazione di genitori avente ad oggetto della propria missione il controllare i contenuti dei programmi televisivi, il Moige, era sbeffeggiata da molti conduttori e definita bigotta e retrograda.

Facciamo un salto di una quindicina d’anni paracadutiamoci ai nostri giorni.

Ci sono libri letti a scuola che un Ministro della Repubblica non vuole nemmeno citare in pubblico per vergogna od i cui passi sono considerati troppo osceni per esser contenuti in un’interpellanza parlamentare... per non parlare dei volantini distribuiti con il consenso degli insegnati, riportanti immagini e descrizioni che farebbero impallidire anche il cultore di film hard più navigato.

Ed ora siamo all’ultimo –in ordine cronologico- tassello di questo delirante teatro dell’assurdo: Facebook considera volgare e quindi contro il proprio regolamento interno un disegno ritraente due bambini sdraiati in cui uno pratica la masturbazione sul compagno. Certamente: immagini del genere sono da pelle d’oca, da gelare il sangue nelle vene. Orridi all’ennesima potenza. Giusto che un social network li censuri.

FB_asilo_educazione_sessuale_censura

Peccato però che quella pazzesca immagine sia tratta dal libretto Lisa & Jan di Frank Herrath e Uwe Sielert distribuito nelle scuole dell’infanzia, conformemente a quanto disposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nelle linee guida “Standard per l’educazione sessuale in Europa” (scaricabili qui).

Avvio al piacere sessuale, avvicinamento alla masturbazione su sé e sugli altri: questi i punti focali dell’educazione sessuale caldamente consigliata per gli asili (Linee guida 0-4 anni pg 38).

Standard per l'educazione sessuale in Europa - OMS

Volutamente ProVita ha deciso di pubblicare quell’immagine –pur considerandola così greve da raggiungere il ripugnante-: era necessario strappare il velo del perbenismo e del lascia-che-sia per rendere partecipi sempre più persone del disegno in essere, anche e soprattutto alle spalle dei bambini.

E quell’immagine ha fatto il giro del web: in nemmeno un’ora migliaia di visualizzazioni, condivisioni e commenti. Poi è arrivato lo stop, peraltro molto aggressivo e capillare: tutti coloro che avevano condiviso l’immagine si sono visti bloccare il proprio account per qualche ora, così come l’agibilità alle pagine Facebook di cui erano eventualmente gestori.

Non siamo qui a criticare le scelte di Facebook: in questo caso aveva pienamente ragione a censurare un’immagine di quel genere. Ma siamo a denunciare –nuovamente- che questo genere di raffigurazioni sono considerate materiale didattico e vengono utilizzate per “educare” i nostri figli.

Abbiamo deciso, quindi, di rimettere in circolazione una versione del disegno censurata e di raccontare quanto accaduto, incomprensibile nella sua intrinseca assurdità.

Redazione

Blu-Dental

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info