15/09/2021 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Sessualizzazione minori, Affissioni con esempi choc. PV&F: «Bambini non abbastanza protetti. Serve attuare la legge!»

COMUNICATO STAMPA

Sessualizzazione minori

Affissioni con esempi choc. Pro Vita & Famiglia: «Bambini non abbastanza protetti. Serve attuare la legge!»

 

Roma, 15 settembre 2021

«La sessualità sui media è un dramma che colpisce sempre più spesso i nostri bambini e li espone a rischi di pornografia, adescamenti e abusi. Gli adulti proteggono abbastanza i minori?». Così Jacopo Coghe, Portavoce di Pro Vita & Famiglia, lancia la nuova campagna di affissioni che parte oggi a Roma e a Milano per poi coprire, nelle prossime settimane, i principali capoluoghi italiani.

«Video e foto esplicite diffuse tra le chat, adescamenti da parte di adulti sui social, contenuti espliciti accessibili senza filtri. I nostri bambini – denuncia Coghe – sono costantemente in pericolo. Basti pensare che nel periodo di maggiori restrizioni per il Covid-19, la Polizia Postale ha registrato un aumento del 250% di denunce per il reato di adescamento».

«Per questo – annuncia – abbiamo lanciato una campagna per sensibilizzare sull’ipersessualizzazione dei minori e una petizione per chiedere al Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti e al Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella di applicare la normativa sul parental control e sui filtri per il blocco dei contenuti inappropriati, già prevista nel “Decreto Giustizia” approvato nel giugno del 2020 ma ancora mai attuata».




FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE PER PROTEGGERE I MINORI DALL'IPERSESSUALIZZAZIONE IN RETE 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info