06/03/2017

Adult baby, nuova frontiera della sessualità

C’è una nuova frontiera della sessualità: gli adult baby.

Di che si tratta? In pratica sono uomini adulti che provano piacere nel comportarsi da bambini e farsi coccolare dalle maestre (donne).

Nei giorni scorsi il programma Le Iene ha dedicato due servizi a questo tema, concentrandosi su una piccola realtà romana.

Ora apprendiamo che anche a Verona a breve sarà aperto un asilo per adult baby. E, benché l’indirizzo sia ancora segreto, la struttura ha già registrato il tutto esaurito.

Dai video de Le Iene abbiamo potuto constatare che questi uomini adulti si ritrovano per mezza giornata in un centro, vestiti con pigiamini, calzini antiscivolo e ciuccio in bocca, intenti a giocare, disegnare, colorare e guardare cartoni animati, proprio come si fa in una scuola dell’infanzia o in un asilo nido.

Ciascuno sceglie l’età in cui si sente meglio e si fa accudire dalle maestre, che sono donne adulte consenzienti a prestarsi a questa sorta di gioco di ruolo (ovviamente condividono la stessa passione). Gli adult baby si fanno coccolare, si fanno imboccare e amano ascoltare le fiabe. Ma non finisce qui. Indossano i pannolini, che usano proprio come farebbe un bambino e si fanno cambiare e pulire dalle maestre, con tanto di borotalco e salviettine profumate.

Molti continuano a portare il pannolone anche nella vita normale...

Insomma, nonostante nel servizio de Le Iene e dall’asilo di Verona facciano sapere che non vogliono sentir parlare di perversione né di sesso, siamo evidentemente di fronte ad una forma di parafilia, ovvero di sessualità deviata (come l’ecosessualità). In effetti, solitamente in queste strutture non si fa sesso, perché il piacere è a livello emotivo e mentale. 

Gli adult baby – alcuni dei quali sono sposati e con figli, conducendo dunque una doppia vita -sostengono che ricorrono a tali “giochi” per liberarsi dallo stress quotidiano e tornare alla spensieratezza dell’infanzia.

I nostri Lettori sono stupiti? Ma d’altra, parte, secondo i dettami dell’ideologia gender, ciascuno può essere come si sente, come un cane oppure un bebè.

Redazione

Fonte: La Voce di Venezia; la foto in alto è ripresa da The Gateway


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info