20/05/2022

Aborto legale non è aborto sicuro: l'esempio dell'Etiopia

Nel 2005 l'Etiopia ha legalizzato l'aborto nella speranza di ridurre la mortalità materna. La sua legge è piuttosto liberale, più o meno come quella del Regno Unito. L’aborto è su richiesta, senza condizioni.  Quale è il risultato? 
 
Uno studio sull'Ethiopian Medical Journal condotto da un accademico dell'Università di Oxford, Calum Miller, ha scoperto che:
- la mortalità per aborto stava già diminuendo prima della legalizzazione e che i tassi di mortalità non sono cambiati dopo la legalizzazione. 
- la morbilità materna è invece nettamente aumentata.
 
La percentuale di donne con shock settico è più che raddoppiata, la percentuale di donne ricoverata in terapia intensiva è quasi triplicata. Tra il 2008 e il 2014, la percentuale di donne che ricevono cure post-aborto per gravi complicazioni è aumentata di oltre il 50%, dal 7% all'11%, le peritoniti sono quintuplicate. 
 
Complessivamente, le complicazioni sono raddoppiate tra il 2008 e il 2014, da 53.000 a 104.000. Ciò nonostante che l'assistenza sanitaria sia notevolmente migliorata, ci sia stato un netto aumento della contraccezione e ci siano stati "grandi progressi" nella fornitura di aborto sicuro.  La legalizzazione dell'aborto ha portato inoltre a un enorme aumento del numero di aborti. 
 
È possibile che, come in altri paesi, un'attenzione sproporzionata alla pianificazione familiare basata su numeri gonfiati di mortalità per aborto abbia distolto risorse dalle cure ostetriche di emergenza e quindi non sia riuscita a ridurre la mortalità materna in modo più significativo.
 
Fonte: BioEdge
Sostieni Pro Vita & Famiglia! Puoi donare con carta di pagamento, Paypal oppure via bonifico o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille! Indica nella dichiarazione dei redditi il Codice fiscale: 94040860226
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info