22/01/2016

Aborto – In Francia sarà tutto a carico dei contribuenti

In Francia l’aborto è considerato ormai a tutti gli effetti un diritto umano fondamentale.

Il ministro della Salute Marisol Touraine ha infatti annunciato che a partire dal 1° aprile l’interruzione di gravidanza sarà interamente coperta dalla sanità pubblica.

Un anno fa, il governo socialista di Francois Hollande aveva promesso di istituire un nuovo piano di aiuti alle donne per rivendicare il “diritto all’aborto”. Ovvero all’omicidio dei bambini.

Bisogna precisare che in Francia dal 2013 l’aborto è a costo zero per chi vi ricorre. Finora erano però escluse dalla copertura statale tutte le visite mediche e gli accertamenti ad esso legati, come ecografie, analisi del sangue e così via. Dal 1° aprile anche questi diverranno universali e gratuiti.

Il ministro Touraine ha dichiarato che le donne dovrebbero essere in grado di decidere se continuare o meno una gravidanza in modo semplice e veloce.

Tale decisione rientra senza dubbio nella visione ideologica del governo socialista, ma è stata anche imposta dalla vasta presenza di immigrati illegali e cittadini francesi poveri o disoccupati che non sono in grado di pagare tutti gli esami medici necessari per un aborto “sicuro”.

Questo però significa che da aprile saranno i contribuenti, tutti i contribuenti, con le loro tasse, a finanziare l’aborto di Stato, la soppressione di migliaia e migliaia di vite innocenti. In pratica, tutti, volenti o meno, pagheranno il massacro di cui abbiamo mostrato le immagini. 

Da notare un particolare, assai inquietante. Marisol Touraine ha annunciato le nuove misure nella sede parigina di Planned Parenthood. La sezione francese di PP non pratica aborti, ma suggerisce alle donne interessate gli ospedali ai quali rivolgersi.

Il ministro della Salute ha parlato del suo Piano nazionale di azione a favore dell’aborto e ha ribadito la necessità di difendere il “diritto” all’aborto. Nel Piano rientrano peraltro alcuni provvedimenti volti a diffondere le pillole abortive, che potranno essere fornite anche dalle ostetriche.

In Francia si contano circa 200mila aborti l’anno. Eppure è il Paese europeo con la più alta “copertura contraccettiva”. Segno evidente che non sono gli anticoncezionali a ridurre l’aborto. Anzi, la contraccezione favorisce edonismo ed egoismo. Il problema è che manca una cultura della vita...

Redazione

Fonte: LifeSiteNews

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info