02/11/2015

Aborto forzato e femminicidio: la Cina NON cambia!

I giornali come al solito danno grande risalto ai proclami che (spesso ben pagati) arrivano dalla Cina sull’abolizione della sanguinosa politica di aborto forzato e sterilizzazione coatta nota come “politica del figlio unico”.

La Xinhua News Agency, da ultimo è stata ampiamente rilanciata: la Cina si orienta verso una politica di due figli per tutte le coppie, con un provvedimento che dovrebbe essere attuato a partire da marzo.

La motivazione addotta è economica e demografica: “Per bilanciare lo sviluppo della popolazione e affrontare la sfida di una popolazione che invecchia“. A questa affermazione andrebbe dato risalto. Qui si continua una “politica del figlio unico” che ci è imposta dalla propaganda martellante degli ultimi decenni: contraccezione e aborto, certamente, non sono obbligatori, come nella dittatura di Pechino, ma di fatto sono una moda, un dato imprescindibile di civiltà, perché “è bene non fare troppi figli”: continuiamo a ignorare che la crisi economica è prodotta anche dalla crisi demografica (per approfondire si veda qui e qui).

aborto_forzato_Cina
La Laogai Research Foundation ha pubblicato il più completo (e agghiacciante) dossier sulla politica del figlio unico cinese

In Cina, finalmente, se ne sono accorti. Dopo 40 anni di sangue e di violenza alle donne e ai bambini. Ma la dittatura post comunista cinese, in nome del materialismo più radicale, non fa politica per l’uomo e continua a calpestare i diritti umani impunemente.

Il passaggio a due figli è imposto per motivi economici. E comunque il Partito Comunista al governo continua a entrare nelle camere da letto dei cinesi per decidere se  e quando si possono sposare e per dare il “permesso” di fare figli.

aborto_Reggie littlejohn_politica del figlio unico_Cina
Reggie Littlejohn

Dice Reggie Littlejohn, presidente di Women Rights Without Frontiers: “Il Partito comunista cinese non ha improvvisamente sviluppato una coscienza o un cuore. Anche se consentirà ora a tutte le coppie di avere un secondo figlio, la Cina non ha promesso di porre fine ad aborto forzato,  sterilizzazione forzata o contraccezione forzata. La coercizione è il cuore della sua politica”.

“Indipendentemente dal numero di figli consentiti, le donne che restano incinte senza permesso saranno ancora trascinate fuori dalle loro case, legate, e costretta ad abortire”.

“Inoltre, prosegue la Littlejohn, l’istituzione di una politica dei due figli non porrà fine alla  discriminazione sessuale”. I nati maschi, in Cina, sono dai 160 ai 190 per ogni 100 femmine: per questo ci sono circa 37 milioni di uomini cinesi che non potranno mai sposarsi.  Perciò fiorisce il traffico di donne e la schiavitù sessuale, non solo in Cina, ma anche nei Paesi vicini.

Non accontentiamoci dei proclami e della propaganda della dittatura di Pechino: cerchiamo di non abbandonare le donne della Cina, che continuano ad affrontare aborti forzati, e le bambine della Cina, che continuano ad essere soppresse prima e dopo la nascita.

La politica del figlio unico non ha bisogno di essere modificata. Ha bisogno di essere abolita.

Francesca Romana Poleggi

DIFENDIAMO I BAMBINI E LA FAMIGLIA DAI TENTATIVI DI

LEGALIZZAZIONE DELLE UNIONI CIVILI

 

Firma anche tu!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info