11/04/2015

Aborto fai da te, con ellaOne (prima parte)

Abbiamo più e più volte parlato delle pillole che uccidono, dell’aborto fai-da-te travestito da “contraccezione d’emergenza”.

E’ bene ritornare sull’argomento con questo articolo, apparso sul quotidiano La Croce del 2-4-2015, n.58, a pag. 2, che fa il punto della situazione e riassume le vicende (e le menzogne) che girano, anche in ambiente scientifico, a proposito della pillola dei 5 giorni dopo, ellaOne, e degli enormi interessi economici che sono alla base di tutto.

Il 25 marzo scorso l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha deciso di eliminare l’obbligo di prescrizione medica per EllaOne, che sarà mantenuto solo per le minorenni, con conseguente caduta anche dell’obbligo di accertare l’assenza di una gravidanza preesistente attraverso l’esito negativo di un test di gravidanza per tutte le donne, maggiorenni o minorenni che siano. Una decisione di inaudita gravità, per poter comprendere la quale è necessario fare alcune considerazioni tecniche sul farmaco, per poi soffermarci in breve sull’iter che ha portato l’AIFA ad esprimersi in tal senso pochi giorni fa.

Innanzitutto ricordiamo che EllaOne è un farmaco proposto come “contraccettivo d’emergenza” capace di agire durante le 120 ore (cinque giorni) successive ad un rapporto sessuale non protetto o a rischio, da cui il nome di “pillola dei cinque giorni dopo”; il suo principio attivo è l’Ulipristal Acetato (UPA), appartenente alla categoria degli antiprogestinici, famiglia di molecole che contrastano l’azione del progesterone (pro-gest-erone = ormone steroideo pro-gestazione), detto anche “ormone della gravidanza”, poiché indispensabile per creare nell’utero le condizioni adatte all’annidamento dell’embrione, esaltando le secrezioni tubariche ed uterine necessarie al suo nutrimento e sviluppo, aumentando lo spessore dell’endometrio (la parete interna dell’utero), alterando la viscosità del muco cervicale per bloccare i batteri e inibendo infine la contrattilità della muscolatura uterina, evitando la possibilità di un aborto spontaneo. Più precisamente UPA è un modulatore selettivo sintetico del recettore del progesterone che agisce legandosi ad esso con grande affinità e i cui meccanismi d’azione vengono illustrati nell’ “Assessment Report per EllaOne” (EMEA/261787/2009) redatto nel 2009 dall’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) al momento di mettere il farmaco in commercio: all’ultimo capoverso di pag. 9/49, infatti, si dice che il farmaco da un lato ha la «capacità di bloccare, impedire o ritardare l’ovulazione» (meccanismo antiovulatorio), anche dopo il picco di LH, e dall’altro ha la «capacità di ritardare la maturazione dell’endometrio in modo tale da prevenire l’impianto [ndr dell’embrione]» (meccanismo antinidatorio). A conferma di quest’ultimo meccanismo, al secondo capoverso di pag. 11/49 dello stesso documento si dice che «il trattamento di colture di cellule con 100 µM di UPA ha inibito significativamente la proliferazione di cellule endometriali stimolata da progesterone ed estrogeni».

Bludental Tradotto quindi in termini poveri, EllaOne può agire fondamentalmente con due meccanismi d’azione:

1. se assunto prima dell’ovulazione, è in grado di bloccarla/ritardarla, impedendo la fecondazione e agendo da contraccettivo;
2. se assunto appena prima o dopo l’ovulazione, è in grado di alterare l’endometrio e impedire all’embrione di impiantarsi in esso, determinandone la morte secondo una modalità micro-abortiva.

Un’ulteriore conferma del tutto la si trova nelle conclusioni al quarto capoverso di pag. 23/49, dove si dice che questi due meccanismi di azione sono «sufficientemente documentati», infatti in letteratura si trovano molti studi a riguardo.

A questo punto una domanda sorge spontanea: se EllaOne può anche impedire l’annidamento in utero dell’embrione determinandone la morte, perché si parla di “contraccettivo d’emergenza” e non di farmaco abortivo? Semplice, è bastato spostare l’inizio della gravidanza al momento dell’impianto, per far sì che l’uccisione dell’embrione prima dell’impianto stesso non fosse tecnicamente considerata aborto, ma contraccezione.

In passato infatti, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la gravidanza iniziava con la fecondazione e conseguente concepimento e terminava col parto: essa identificava quindi, come è logico che sia, il periodo in cui il concepito cresce all’interno del corpo materno dal quale è nutrito e sostenuto anche prima che si impianti tramite le secrezioni tubariche ed uterine indotte dal progesterone; questo valeva fino al 1965, anno in cui l’inizio della gravidanza fu spostato dalla fecondazione all’impianto in utero dell’embrione, che avviene circa una settimana dopo!

Venne così molto furbescamente aggirato l’ostacolo bioetico insito nei nuovi contraccettivi ad azione antinidatoria che iniziarono ad essere sperimentati proprio in quegli anni: in base a questa nuova definizione, infatti, qualsiasi farmaco che uccida l’embrione prima di impiantarsi in utero non è più considerato abortivo (cioè capace di interrompere una gravidanza), ma contraccettivo (cioè in grado di prevenire la gravidanza), mentre restano tecnicamente abortivi solo i farmaci che uccidono l’embrione dopo l’impianto! Per questo tipo di aborto mascherato, che avviene invece nella finestra compresa tra fecondazione e impianto, fu utilizzato il termine di “contraccezione di emergenza” o “postcoitale”.

Inutile dire che il problema dell’inizio della gravidanza distrae dal vero problema creato da pillole come EllaOne, che è il destino del concepito: che differenza c’è infatti tra uccidere un embrione prima o dopo l’impianto? Lo stesso Étienne-Émile Baulieu, inventore della RU486, ammetteva che «l’interruzione della gravidanza dopo la fecondazione […] può essere considerata alla stregua di un aborto» (“Il punto sull’RU-486”, The Journal of the American Medical Association, edizione italiana, n.1, vol. 2, gennaio 1990).

A tutto questo quadro a tinte fosche, come se non bastasse, bisogna poi aggiungere che EllaOne appartiene alla stessa famiglia farmacologica del Mifepristone, detto anche “pillola abortiva” (commercialmente nota come RU486) in quanto capace di indurre aborto chimico fino alla settima settimana di gravidanza. Ufficialmente tra questi due antiprogestinici non c’è alcun rapporto, essendo il primo considerato un “contraccettivo d’emergenza”, il secondo un “abortivo”: ma le cose in realtà non stanno proprio così! Innanzitutto bisogna sottolineare la notevole somiglianza fra UPA e Mifepristone sia in termini di struttura chimica (vedere figura), sia in termini di effetti antiprogestinici provocati sull’endometrio uterino.

aborto_pilloleA spiegarlo più in dettaglio è il Dott. Bruno Mozzanega, Ginecologo, Docente di Ginecologia all’Università di Padova e Presidente della Società Italiana Procreazione Responsabile (SIPRe), per il quale le due molecole sono quasi uguali «con le dovute proporzioni, s’intende. Per abortire fino (almeno) a sette settimane bastano 200 mg di RU486, i quali equivalgono, quanto a efficacia sull’endometrio, a 200 mg di UPA non micronizzato». E visto che EllaOne contiene 30 mg per compressa di UPA micronizzato (che corrisponde a 50 mg non micronizzato), ecco che con quattro compresse si ottiene un dosaggio equivalente ai 200 mg di RU486! Pertanto, continua Mozzanega, «se una donna si recasse in 4 farmacie diverse, potrebbe tranquillamente interrompere la sua gravidanza! Dobbiamo dunque concludere che l’Europa stia facilitando, se non incoraggiando, l’aborto clandestino?». La cosa più sconcertante è che l’equivalenza tra i due farmaci viene ammessa nello stesso Assessment Report per EllaOne del 2009: a pag. 10/49 infatti si legge che «la capacità di UPA di terminare le gravidanze è stata indagata in porcellini d’India e scimmie. UPA e mifepristone erano approssimativamente equipotenti a dosaggi di 10-30 mg/die nel terminare le gravidanze nei porcellini d’India quando gli animali erano trattati nei giorni 43 e 44 di gestazione». E infatti, sia a pag. 18/49 che a pag. 46/49, si conferma che, «quando dato a porcellini d’India e macachi a stadi più avanzati di gravidanza, UPA ha terminato la gestazione in alcuni animali». Non a caso, a pag. 45/49 dello stesso report, compare un capitolo del tutto inaspettato: «Off-label use as an abortifacient», vale a dire «Impiego fuori etichetta come un abortivo», in cui l’EMA dichiara addirittura di voler monitorare questo possibile uso come abortivo attraverso i «self-report dei medici che prescrivono il farmaco», «un sondaggio retrospettivo nei reparti di ginecologia con donne ospedalizzate per aborto “spontaneo” incompleto» e addirittura tramite «l’uso di registri delle prescrizioni per identificare le prescrizioni fuori etichetta».

Insomma, oltre a bloccare l’ovulazione e a impedire l’impianto di un embrione in utero, EllaOne è anche in grado di sfaldare l’endometrio durante i primi due mesi di gravidanza in modo da estirpare e uccidere l’embrione ivi impiantato, proprio come la RU486 abortiva! Tuttavia il farmaco è ufficialmente un contraccettivo in virtù, secondo Mozzanega, di una chiara scelta di marketing dell’Azienda produttrice nel voler «tenere distinte le due molecole gemelle: una, la RU486, ormai poco “presentabile” dato il suo utilizzo nell’aborto chimico, e l’altra, Ulipristal, da mantenere ufficialmente esente da richiami all’aborto».

Tutto troppo incredibilmente scomodo e infatti, grazie a studi decisamente più vaghi sugli effetti embrioletali confezionati ad hoc e presentati all’EMA dalla stessa azienda produttrice, gran parte delle indicazioni all’effetto antinidatorio e all’uso del farmaco come abortivo sono come per magia scomparse nell’Assessment Report più aggiornato dove, in palese contraddizione con la precedente versione che parlava di meccanismi «sufficientemente documentati», si dice che «EllaOne non interrompe una gravidanza esistente».

Per capire gli enormi interessi economici che ruotano attorno a questo farmaco, vi invitiamo a leggere la seconda parte di questo articolo, su www.notizieprovita.it

Raffaele Marmo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info