07/12/2019

FLASH - Un trans protesta: il ginecologo non lo vuole visitare

 Jonathan Yaniv è un attivista transgender canadese che si è dichiarato «Scioccata ... e confusa ... e ferita», perché si è sentito dire da un ginecologo che non visita pazienti transgender.
I ginecologi dovrebbero curare gli organi genitali femminili. E anche il trans che abbia avuto la ventura di farsi operare dal chirurgo plastico più bravo del mondo non ha né vagina, né utero né ovaie: ma una semplice tasca di pelle a fondo cieco che rientra nelle competenze dei dermatologi.
Chissà se Yaniv si rassegnerà. Si è dovuto rassegnare in passato a un centro estetico in cui le dipendenti si sono rifiutate di depilare l'inguine adiacente a organi genitali maschili (anche se ha fatto perdere il posto a diverse estetiste)...
Ci sarebbe anche da dire che "Jessica", che si definisce «orgogliosamente lesbica» è stato denunciato in diverse occasioni perché pare abbia una predilezione spiccata per le ragazzine di 12 - 15 anni. E pare che tale inclinazione l'avesse anche prima di diventare transgender. 
Se queste accuse risultassero accertate, è evidente che questa persona ha molto bisogno di aiuto (oserei dire che ha bisogno davvero di amore. Ma di Amore vero) . Come minimo dovrebbe "farsi curare". Ma dirlo non si può. Si rischia di essere accusati di omotransfobia e di hate-speech, discorsi d'odio. 
 
Nella foto: Johnatan - Jessica Yaniv, su Twitter
 
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info