17/12/2019

Contrastare la propaganda gender. Le iniziative di Pro Vita & Famiglia

La propaganda gender in Italia è sempre più martellante e invasiva, soprattutto nei confronti dei più piccoli. Dei bambini.

Solo per citare alcuni esempi, infatti, a Bari è stato introdotto nella scuola elementare un progetto che intende insegnare ai piccoli alunni come “sradicare gli stereotipi di genere”, oppure in provincia di Bergamo hanno pensato di spiegare il sesso orale in quinta elementare, mentre a Bologna è tutt’ora in corso il festival Lgbt “Radical choc”, organizzato da Gender Bender e dal Cassero, che intende presentare le “nuove rappresentazioni del corpo, delle identità di genere e di orientamento sessuale”, includendo diversi eventi dedicati ai bambini. Da non sottovalutare, inoltre, l’introduzione a livello di Sistema sanitario nazionale del cosiddetto “farmaco gender” per bloccare la pubertà, la triptorelina.

Infine, presso la Commissione giustizia della Camera dei deputati è iniziato l’esame della proposta di legge A.C. 569 che introdurrebbe nel Codice penale il reato di omotransfobia: vengono puniti "l’istigazione alla discriminazione" e gli atti di discriminazione "per motivi di orientamento sessuale o identità di genere". In pratica, c’è il serio pericolo che venga approvata una legge che punirebbe (fino a 6 anni di reclusione!) i cittadini e le associazioni che si oppongono alla teoria gender!

Pro Vita & Famiglia, da sempre impegnata nel contrastare la teoria gender e tutte le forme di indottrinamento in tal senso, intende portare avanti una serie di progetti e iniziative, una vera e propria offensiva anti-gender, per proteggere i nostri figli e la libertà e priorità educativa dei genitori.

Contribuisci anche tu con una donazione all'offensiva anti-gender!

In particolare, ecco alcune iniziative che Pro Vita & Famiglia intende realizzare:

  • creare un numero verde anti gender per reagire subito a ogni segnalazione di progetti gender su tutto il territorio nazionale;
  • stampare 15mila copie del vademecum anti-gender "Protagonisti nella scuola" e distribuirle alle famiglie;
  • intervenire presso la Commissione giustizia della Camera dei deputati per ostacolare l’iter della legge anti omotransfobia;
  • promuovere una mobilitazione popolare contro questa legge in tutta Italia;
  • infine intervenire a livello Istituzionale per suscitare una reazione contro la prescrizione della triptorelina.

Fai una donazione per contribuire a rilanciare urgentemente l’offensiva contro il gender!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info