04/11/2021 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Toscani assolto dall’accusa di Vilipendio. Pro Vita & Famiglia: «Assurdo rimanere impuniti. Milioni di cristiani discriminati e offesi»

COMUNICATO STAMPA

Toscani assolto dall’accusa di Vilipendio

Pro Vita & Famiglia: «Assurdo rimanere impuniti. Milioni di cristiani discriminati e offesi»

 

Roma, 4 novembre 2021 

«In Italia se sei cristiano non sei tutelato, ma anzi, gli altri avranno sempre il diritto di offendere, discriminare e denigrare. Questa sentenza ci scandalizza e la riteniamo, rispetto alla condanna di primo grado, inspiegabile e vergognosa!», è il commento di Antonio Brandi, presidente di Pro Vita & Famiglia, sull’assoluzione, in Appello, di Oliviero Toscani dall’accusa di Vilipendio alla religione.

Il fotografo, infatti, il 2 maggio del 2014, durante la trasmissione radiofonica “La Zanzara” aveva espresso parole ritenute offensive e accuse pesanti sul tema della pedofilia nella chiesa e per questo era stato condannato, nel luglio del 2019, a 4mila euro di multa dopo la denuncia di Pro Vita & Famiglia e di Giuristi per la Vita. «E’ stato assolto – prosegue Brandi - un personaggio che si è permesso di dire che ci sono altari “con bambini nudi che volano” e che “la Chiesa sembra un club sadomaso”».

«Frasi – precisa la nota di Pro Vita & Famiglia - che non lasciavano spazio all’interpretazione e non potevano essere etichettate come “semplice” cattivo gusto, ma evidentemente in Italia non c’è spazio per tutelare milioni di cristiani che si sono sentiti offesi e discriminati. Perfino un sacerdote, don Giorgio De Capitani, ha esultato davanti a questa assoluzione, parlando di libertà di opinione, ma non è libertà offendere e denigrare il culto altrui e portare avanti una vera e propria cristianofobia!»


 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info