02/05/2022 di Luca Marcolivio

Le derive dell'identità di genere: ora arriva il topless in piscina

L’ennesimo regalo dell’identità di genere arriva dalle piscine tedesche. La disputa, quasi surreale, sembra quasi riportarci indietro di sessant’anni, quando sulle spiagge di mezzo mondo, apparivano i primi “scandalosi” topless. Ebbene, è degli scorsi giorni, la decisione della città di Gottinga (Bassa Sassonia), nel cuore della Germania, di concedere alle bagnanti di nuotare a petto nudo in piscina, a partire da ieri, 1° maggio.

La rivendicazione da cui nasce l’amena concessione non ha nulla di “femminista”. Tutto è nato dalla richiesta di una donna di poter stare liberamente in topless in piscina e a bordo vasca. Il suo comportamento non era stato gradito dagli altri bagnanti. La cliente aveva così usato il passe-partout, ormai pressoché infallibile dell’identità di genere, per esercitare il suo “diritto”: se mi sento un uomo, sono autorizzata a comportarmi come uomo, quindi eventualmente a stare a petto nudo in piscina.

La nuova regola è stata così adottata dal comitato sportivo cittadino, che ha permesso a tutti i nuotatori di Gottinga di fare il bagno “oben-ohne”, ovvero senza il top, nei fine settimana a partire dall’1° maggio.

In Germania, il movimento nudista, che prende il nome di Frei-Koerper-Kultur (cultura del corpo libero) è piuttosto popolare e diffuso ed è arrivato ad ottenere le saune miste, nella maggior parte delle strutture. Intanto, altri cittadini stanno protestando per la limitazione del topless ai soli weekend: la decisione sarebbe stata presa per non turbare bambini e ragazzi durante le lezioni di nuoto in mezzo alla settimana.

Una decisione, quella presa a Gottinga, solo apparentemente “locale”: molto spesso, ciò che viene stabilito in un singolo comune o territorio tende a fare effetto domino nel resto del Paese. È un po’ quanto sta avvenendo in Italia, ad esempio, con la cosiddetta “carriera alias”, lanciata dapprima come esperimento isolato in un numero limitato di scuole e università che, però, in poco tempo, stanno diventando svariate decine. Gli stessi parlamenti e istituzioni locali non sono più di tanto propensi a legiferare su queste materie e tendono, piuttosto, a recepirle quando ormai la “nuova consuetudine” è consolidata.

L’altro aspetto rilevante, nella vicenda della piscina tedesca è che, banalmente, rischia di passare come lo “sdoganamento” del topless femminile, quando dietro c’è qualcosa di molto più grosso. Per una sola donna che si identifica come uomo, sono cambiate le regole: le nuove norme varranno solo per quella bagnante o per tutte le donne? Come sempre, una grande confusione regna sotto il cielo. I grandi cambiamenti antropologici non procedono in modo monolitico ma avanzano per piccoli “dettagli” come questi. Rivendicazioni apparentemente insignificanti che qualcuno, tuttavia, avrà l’impudenza di spacciare come conquiste di civiltà: di quale civiltà parliamo, però, visto che abbiamo smarrito l’identità dell’uomo?

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info