26/10/2021 di Luca Volontè

Pennsylvania: i pro life scendono in piazza

Il mese scorso per la prima volta decine di migliaia di persone e attivisti pro life hanno invaso le strade e le piazze della Pennsylvania per celebrare la prima Marcia per la Vita.

L'organizzazione nazionale ‘March for Life’ ha organizzato l'evento, in collaborazione con il ‘Pennsylvania Family Institute’. I partecipanti si sono riuniti al Campidoglio della capitale Harrisburg per chiedere l'approvazione di più leggi pro-vita, poi hanno marciato intorno all'edificio. Si sono uniti anche diversi politici pro-vita, come il Presidente della Camera Bryan Cutler e il leader della maggioranza al Senato Kim Ward. "Siamo una voce per chi non ha voce e una voce per i non nati perché siamo a favore della vita", ha detto Ward. "Tutta la vita umana merita protezione".

Cutler ha inoltre dichiarato: "La vita inizia al concepimento e noi dobbiamo ai non nati, ai senza voce, ai più vulnerabili tra noi, assicurarci di essere la loro voce e di difendere il diritto alla vita in ogni occasione". Diversi disegni di legge pro-vita sono stati introdotti all'inizio di quest'anno: un divieto all'aborto per la sindrome di Down, un disegno di legge che limita l'aborto una volta che il battito cardiaco può essere rilevato e un disegno di legge che dà ai genitori l'opzione di sepoltura o cremazione dopo la morte di un bambino nato morto.

Il governatore Democratico Tom Wolf, però, ha posto il veto su tutte e tre le leggi approvate dai due rami del parlamento e rilasciato una dura dichiarazione di condanna contro i movimenti che si battono a favore della vita del concepito, lo stesso giorno in cui si svolgeva Marcia per la Vita. "Come ho già detto, le cosiddette politiche 'pro-vita' sono in realtà anti-scelta. Aumentano ulteriormente le disparità sociali ed economiche all'interno dell'assistenza sanitaria, contrastano con la nozione di libertà individuale e mancano di una base scientifica", ha detto Wolf. "Come governatore, ho posto il veto a tre disegni di legge anti-scelta che sono arrivati sulla mia scrivania. Non fate errori, porrò il veto a tutte le altre”.

Wolf ha anche giurato di porre il veto a qualsiasi altra legislazione pro-vita che arriverà sulla sua scrivania. Michael Greer, uno degli organizzatori, ha risposto al Governatore ribadendo che le decine di migliaia di persone che hanno partecipato alla marcia sono determinate a proseguire la loro battaglia per i diritti delle mamme e dei bimbi concepiti sino a quando le cose non cambieranno anche in Pennsylvania.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info