10/11/2020 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Pari Opportunità. PV&F: «Nascono nuovi ‘campi di rieducazione’ per giornalisti»

COMUNICATO STAMPA

Pari Opportunità

PV&F: «Nascono nuovi ‘campi di rieducazione’ per giornalisti»

 

Roma, 10 novembre 2020

“Questo tragico 2020 vedrà anche la nascita di nuovi ‘campi di rieducazione’. Dopo i bambini, il governo giallo-rosso vuole indottrinare sempre di più anche i giornalisti. Costo dell’operazione: quasi 78 mila euro. Sono i soldi di noi italiani ed è qualcosa di ignobile e infame in questo gravissimo momento di crisi” ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

“Da quanto è emerso da un articolo su Il Tempo il governo Conte vuole finanziare una serie di corsi di formazione e seminari per insegnare ai cronisti italiani quali parole usare per evitare discriminazioni etnico-razziali e sessuali. Due contratti addirittura già sarebbero stati firmati dal Dipartimento per le Pari opportunità della presidenza del Consiglio e con organizzazioni che si occupano di questi temi. Il solito magna magna, delle solite lobby, in un momento che vede tante piccole e medie imprese chiudere perchè i ristori non bastano a coprire le spese. Ma come si può agire senza coscienza in questo modo e buttare così tanti soldi pubblici?” ha aggiunto Jacopo Coghe, vice presidente della stessa onlus.

“Purtroppo il tema della formazione in mano alle lobby LGBTQIA+ non è affatto una novità. E’ da tempo che l’Ordine dei Giornalisti prevede corsi di aggiornamento “allineati” al politicamente corretto e indirizzati ossessivamente a questi temi, corsi a cui si attribuisce anche la qualità di essere deontologici. Ma la manipolazione dei futuri manipolatori mediatici mai come ora deve indignare” ha proseguito Toni Brandi. 

“Poi il Dipartimento per le Pari Opportunità ha anche deciso di finanziare due convegni all’interno della decima edizione di «Divergenti Festival Internazionale di Cinema Trans» previsto dal 19 al 28 novembre a Bologna. La spesa è di 9 mila euro in questo caso. Il primo convegno è su «Transessualismo nei processi migratori», il secondo sul tema «Archivi di storia trans». Ma i convegni non sono vietati? Non sono certo due temi importantissimi ed essenziali poi per la nostra società massacrata dal Covid. Siamo di fronte a una casta irresponsabile e scandalosa. I giallorossi si vergognino profondamente” ha concluso Jacopo Coghe, vice presidente di Pro Vita e Famiglia. 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info